Traduzioni ‘creative’

latino

Ieri¬† √®¬† stata¬† una¬† giornata¬† grigia¬† che¬† pi√Ļ¬† grigia¬† non¬† si¬† pu√≤, color¬† antracite, scurissima¬† e¬† disperata. L’ingresso¬† dell’inverno, insomma, con¬† tutte¬† le¬† sue¬† caratteristiche¬† pi√Ļ¬† dure. Cos√¨, per¬† cercare¬† di¬† adattarsi¬† alla¬† stagione, conviene¬† divertirsi¬† un¬† po’¬† e¬† sorridere.

Liceo¬† classico, primo¬† anno, compito¬† in¬† classe¬† di¬† latino. Il¬† mio¬† amico¬† Andrea, al¬† termine¬† del¬† compito, volle¬† controllare¬† con¬† me¬† la¬† sua¬† traduzione. C’era, in¬† quella¬† versione, una¬† frase¬† facilissima che¬† chiunque¬† avrebbe¬† saputo¬† tradurre¬† senza¬† dizionario; tuttavia, nonostante¬† ci√≤, il¬† mio¬† amico¬† si¬† scaten√≤¬† in¬† una¬† traduzione¬† creativa¬† che¬† non¬† ho¬† pi√Ļ¬† dimenticato. La¬† frase¬† era¬† questa: Pompeius¬† hastam¬† iecit. Traduzione¬† corretta: Pompeo¬† scagli√≤¬† la¬† lancia.

Come¬† ho¬† detto, la¬† frase¬† era¬† di¬† una¬† semplicit√†¬† estrema – soggetto, verbo¬† e¬† complemento¬† oggetto. Ma¬† il¬† mio¬† amico, tutto¬† giulivo¬† nonch√©¬† disinvolto,¬† se¬† ne¬† usc√¨¬† con¬† questa¬† traduzione: a¬† Pompeo¬† l’asta¬† gli¬† si¬† avvinghiava¬† intorno. Impossibile¬† descrivere¬† la¬† mia¬† reazione¬† dopo¬† aver¬† sentito¬† questo¬† capolavoro: so¬† solo¬† che¬† quasi¬† mi¬† piegai¬† in¬† due¬† dalle¬† risate, mentre¬† Andrea, per¬† nulla¬† sconvolto¬† dall’errore¬† commesso, rise¬† a¬† crepapelle¬† insieme¬† a¬† me. Beata¬† giovent√Ļ!

E  voi  avete  ricordi  di  scuola  particolarmente  buffi?

Per ricominciare

Riemergo  faticosamente  dopo  alcuni  giorni  di  malattia: febbre, dolori  articolari  molto  forti, mal  di  gola  e  raffreddore, con  conseguenti  notti  insonni, abbattimento  e  debolezza. Insomma, non  ero  in  condizioni  tali  da  poter  scrivere  in  maniera  decente.

Sono¬† le¬† 19:03¬† e, guardando¬† fuori¬† dalla¬† finestra, mi¬† accorgo¬† che¬† la¬† sera¬† sta¬† calando. Provo¬† uno¬† strano¬† effetto¬† perch√©¬† mi¬† sembra¬† che¬† l’estate, con¬† le¬† sue¬† troppe¬† ore¬† di¬† luce, sia¬† finita¬† soltanto¬† ieri. In¬† realt√†, l’autunno¬† √®¬† cominciato¬† da¬† un¬† po’¬† e¬† ottobre¬† √®¬† il¬† mese¬† delle¬† ombre¬† che¬† avanzano¬† senza¬† sosta, mute¬† ma¬† costanti¬† nel¬† loro¬† incedere¬† fuori¬† e¬† dentro¬† di¬† noi.

Di¬† ottobre, fra¬† le¬† altre¬† cose, mi¬† piacciono¬† le¬† serate¬† lunghe, quelle¬† serate¬† in¬† cui¬† si¬† avverte¬† il¬† desiderio¬† di¬† starsene¬† chiusi¬† in¬† una¬† stanza¬†¬† a¬† pensare, scrivere, divertirsi¬†¬† nel¬† modo¬† in¬† cui ¬† si¬† preferisce, e¬† ci¬† si¬† sente¬† stranamente¬† cullati¬† dall’oscurit√†¬† che fuori, oltre¬† le¬† pareti, avvolge¬† la¬† citt√†¬† tutt’intorno. L’oscurit√†¬† che¬† spegne¬† i¬† clamori, che¬† calma¬† gli¬† animi, che¬† tutto¬† rasserena. E¬† ottobre¬† come¬† una¬† porta¬† aperta¬† verso¬† l’invisibile¬† e ¬† verso¬† le¬† nostre¬† profondit√†¬† pi√Ļ¬† inaccessibili.

Domani¬† ricomincer√†¬† la¬† settimana¬† e¬† ci¬† si¬† dovr√†¬† nuovamente¬† abituare¬† ai¬† consueti¬† ritmi. Allora¬† √®¬† meglio¬† ricominciare¬† ridendo. Come? Semplice: basta¬† guardare¬† cosa¬† pu√≤¬† accadere¬† a¬† un¬† esame¬† universitario¬† di¬† storia¬† dell’arte¬† se¬† lo¬† studente¬† √®¬† un¬† tipo¬† un¬† po’¬† stravagante. Be’, non¬† proprio¬† un¬† po’, ma¬† molto, molto¬† stravagante:

I rancorosi-social e l’estroverso-patologico

rabbia

Una¬† delle¬† tante¬† caratteristiche¬† di¬† Facebook¬† √®¬† la¬† presenza, in¬† esso, dei¬† cosiddetti¬† rancorosi-social. Eh¬† s√¨, su¬† Faccialibro¬† non¬† abbondano¬† soltanto¬† i¬† profeti¬† intenti¬† a¬† dispensare¬† pillole¬† di¬† saggezza¬† alle¬† povere¬† pecorelle¬† smarrite, ma¬† c’√®¬† anche¬† una¬† nutrita¬† schiera¬† di¬† individui¬† che¬† usa¬† il¬† mezzo¬† per¬† sfogare¬† ira¬† e¬† rabbia¬†¬† verso¬† persone¬† come¬† amici, ex¬† fidanzati/e, ex¬† compagni di¬† scuola, parenti¬† e¬† affini.¬† Che¬† ciascuno¬† di¬† noi, nella¬† vita,¬† prima¬† o¬† poi¬† provi¬† rabbia¬† e¬† rancore¬† verso¬† qualcuno, √®¬† un¬† dato¬† noto; e, lasciando¬† da¬† parte¬† inutili¬† moralismi,¬† √®¬† naturale¬† volersi¬† vendicare¬† di¬† qualche¬† torto¬† o¬† volersi¬† sfogare¬† a¬† parolacce. Solo¬† che¬† tutti¬† questi¬† sentimenti, senza¬† dubbio¬† legittimi¬† e¬† umani, vengono¬† inevitabilmente¬† banalizzati¬† se¬† ridotti¬† al¬† linguaggio¬† tipico¬† di¬† Faccialibro, cio√®¬† alle¬† solite ¬† frasette¬† sentenziose,¬† e¬† possono¬† suscitare – ahim√® – qualche¬† risata.

Il  rancoroso-social  si  alza  di  mattina  abbastanza  torvo  e, dopo  aver  trangugiato  malamente  il  cappuccino  della  prima  colazione, rischiando  di  soffocarsi  per  la  rabbia  che  cova, si  collega  a  Faccialibro  col  cellulare  o  con  lo  smart-qualcosa, e  digita  in  fretta  il  pensiero  che  non  riesce  a  tenersi  in  corpo, condividendolo generosamente  con  tutti  gli  abitanti  del  globo.

Alcuni  esempi  di  frasi  tipiche  del  rancoroso-social:

Рtanto  lo  so  che  mi  leggete, ma  io  non  ho  paura  di  nessuno! (Rancoroso  appartenente  alla  sottospecie  del  coraggioso-social).

– tanto¬† la¬† ruota¬† gira¬† e¬† quello¬† che¬† √®¬† capitato¬† a¬† me domani¬† toccher√†¬† a¬† voi! (Della¬† serie: chi¬† la¬† fa, l’aspetti! Questo¬† √®¬† il¬† rancoroso¬† jettatore)

– non¬† credere¬† che¬† non¬† me¬† ne¬† sia¬† accorto/a! Ci¬† siamo¬† intesi, eh! (Rancoroso¬† in¬† salsa¬† criptica: sa¬† di¬† essere¬† su¬† Faccialibro, sa¬† che¬† l’umanit√†¬† lo¬† guarda, e¬† quindi¬† s√¨, vuole¬† che¬† gli¬† altri¬† sappiano, ma¬† anche¬† no, che¬† non¬† sappiano¬† fino¬† in¬† fondo)

Рci  sono  delle  persone  che  fanno  sempre  una  doppia  faccia, ma  io  me  ne  frego! (e  se  te  ne freghi, perché  allora, di  grazia,  lo  scrivi  qui?)

– non¬† farti¬† illusioni¬† se¬† hai¬† 1000¬† amici¬† su¬† Facebook! Ges√Ļ¬† ne¬† aveva¬† solo¬† 12¬† ed¬† √®¬† stato¬† tradito. (Rancoroso¬† pessimista¬† affetto¬† da¬† manie¬† religiose)

Рpotete  accusarmi  di  tutto, ma  non  di  mentire. Io  sono  sempre   sincero/a  e  perciò  vi  dico  in  faccia  ciò  che  penso  di  voi! (Sì, sì, in  faccia  lo  dici, cioè  su  Faccialibro)

– c’√®¬† della¬† gente¬† che¬† non¬† sa¬† quello¬† che¬† dice! Ma¬† io¬† tiro¬† dritto¬† per¬† la¬† mia¬† strada! (E¬† fai¬† bene! Pensa¬† un¬† po’¬† se¬† tirassi¬† storto!)

 

Su¬† Faccialibro¬† √®¬† presente¬† anche¬† un’altra¬† tipologia¬† di¬† utente: il¬† social-viveur¬† altrimenti¬† detto¬† estroverso-patologico. Costui¬† vuole¬† dimostrare¬† al¬† mondo¬† intero – che¬† in¬† effetti¬† avverte¬† l’esigenza¬† di¬† tale¬† dimostrazione – di¬† essere¬† un¬† soggetto¬† che¬† partecipa¬† a¬† tante¬† feste, che¬† si¬† riunisce¬† con¬† caterve¬† di¬† amici, che¬† trascorre¬† l’esistenza¬† fra¬† un¬† divertimento¬† e¬† l’altro¬† e¬† che¬† ride, ride¬† sempre, non¬† smette¬† mai¬† di¬† ridere. Allora¬† che¬† fa? Semplice: pubblica¬† a¬† raffica¬† le¬† foto¬† delle¬† cosiddette¬† feste¬† cui¬† partecipa. Attenzione, per√≤: non¬† sto¬† parlando¬† di¬† chi¬† pubblica¬† un¬† po’¬† di¬† simpatiche¬†¬† fotografie;¬† mi¬† riferisco¬† a¬† quelli¬† che, per¬† ogni¬† singola¬† festicciola¬† alla¬† quale¬† partecipano,¬† pubblicano¬† un¬† intero¬† book¬† fotografico, un’orgia¬† incontenibile¬† di¬† fotografie¬† che¬† li¬† ritraggono¬† in¬† tutte¬† le¬† situazioni¬† possibili¬† pur¬† di¬† eternare¬† la¬† magnificenza¬† di¬† simile¬† riunione: foto¬† vicino¬† all’amico¬† con¬† birra¬† in¬† mano, poi¬† con¬† un¬† bicchiere¬† di¬† vino¬† e, in¬† seguito, con¬† un¬† pezzo¬† di¬† pizza¬† nella¬† medesima¬† mano; successivamente, foto¬† con¬† dito¬† indice¬† puntato¬† verso¬† una¬† una¬† specie¬† di¬† torta, e¬† almeno¬† due¬† o¬† tre¬† foto¬† ancora¬† con¬† il¬† medesimo¬† dito¬† puntato¬† verso¬† i¬† resti¬† di¬† un¬† panino¬† e¬† alcuni¬† tramezzini; a¬† seguire¬† altre¬† foto¬† con¬† l’amico¬† che¬† gli¬† fa¬† le¬† corna¬† sulla¬† testa¬† e¬† con¬† tutti¬† gli¬† altri¬† amici¬† che, a¬† turno, si¬† esibiscono¬† nel¬† medesimo¬† rito¬† delle¬† corna. Non¬† pu√≤¬† mancare, ovviamente, la¬† foto¬† clou¬† della¬† serata, quella¬† in¬† cui¬† sono¬† tutti¬† sdraiati¬† a¬† mucchio¬† sul¬† divano, quasi¬† uno¬† sull’altro.

Ecco, dopo  aver  visto  un  centinaio  di  foto di  questo  tipo,  sorge  il  sospetto  che  al  social-viveur  o  estroverso-patologico  non  interessi  nulla  della  festa  in  sé, ma  che  vi  abbia  partecipato  al  solo  di  scopo  di  fare  le  foto  per  postarle  poi  su  Faccialibro.

L’estroverso-patologico¬† non¬† teme¬† di¬† mostrarsi¬† Urbi¬† et¬† Orbi¬† nella¬† propria¬† intimit√†. Ne¬† ho¬† visto¬† uno – lo¬† giuro, non¬† sto¬† mentendo –¬† sdraiato¬† sul¬† suo¬† letto¬† in¬† pigiama, coi¬† piedoni¬† in¬† primo¬† piano¬† e¬† alcuni¬† piatti¬† di¬† vari¬† cibi¬† accanto¬† a¬† s√©, anch’essi¬† sopra¬† al¬† letto; e¬† poi, in¬† un¬† angolo, la¬† visione¬† mistica: una¬† porta¬† aperta¬† sul¬† bagno¬† e, in¬† bella¬† vista, il¬† trono, altrimenti¬† conosciuto¬† come¬† water.

Il profeta-social e le perle di saggezza

baci

Una¬† delle¬† caratteristiche¬† pi√Ļ¬† divertenti¬† di¬† Facebook¬† √®, a¬† mio¬† parere,¬† la¬† presenza¬† di¬† alcuni¬† soggetti¬† che, elettrizzati¬† dalle¬† loro¬† bacheche,¬† dispensano¬† all’umanit√†¬† consigli¬† in¬† salsa¬† mistico-religiosa¬† o, pi√Ļ¬† genericamente, spirituale:¬† si¬† tratta¬† dei¬† soggetti¬† da¬† me¬† ribattezzati¬† profeti-social. Costoro¬† scrivono¬† brevi¬† sentenze, con¬† tono¬† sicuro¬† e¬† assertivo, sentendosi¬† investiti¬† da¬† un¬† ruolo¬† fondamentale: indicare¬† la¬† via¬† alle¬† pecorelle¬† smarrite, mostrare¬† il¬† sentiero¬† della¬† Verit√†, convincere¬† che ¬† qui¬† c’√®¬† Lui (no, non¬† Dio¬† in¬† persona, ma¬† il¬† profeta-social) che¬† c’informa¬† ogni¬† giorno¬† su¬† come¬† sia¬† facile¬† procedere¬† nel¬† difficile¬† sentiero¬† dell’esistenza. Il¬† problema¬† di¬† questo¬† sentenziare¬† √®¬† che¬† argomenti¬† tanto¬† profondi¬† e¬† delicati, se¬† ridotti¬† in¬† pillole¬† o¬† frasette¬† da¬† baci¬† Perugina,¬† suscitano¬† a¬† volte¬† il¬† sadico¬† desiderio¬† di¬† ribattere¬† senza¬† piet√†.

Il¬† profeta-social¬† scrive¬† con¬† invidiabile¬† puntualit√†¬† di¬† mattina, aggiornando¬† in¬† fretta¬† il¬† suo¬† status, per¬† far¬† s√¨¬† che¬† gli¬† amici¬† di¬† Faccialibro¬† non¬† perdano¬† le¬† sue¬† sublimi¬† sentenze. D’altra¬† parte, in¬† quanto¬† profeta, deve¬† pure¬† aiutare¬† l’umanit√†¬† indicandole¬† la¬† retta¬† via, no? Ebbene, il¬† profeta-social, in¬† genere¬† immortalato¬† in¬† foto¬† che¬† lo¬† mostrano¬† di¬† fronte, impettito¬† e¬† spesso¬† pure¬† con¬† la¬† cravatta,¬† se¬† ne¬† esce¬† tutto¬† giulivo¬† con¬† frasi¬† di¬† questo¬† tipo:

– vivi¬† questo¬† giorno¬† meraviglioso¬† come¬† un¬† dono¬† inestimabile ! (se¬† questo¬† giorno¬† sar√†¬† meraviglioso, sapr√≤¬† dirtelo¬† stasera. Adesso¬† mi¬† sembra¬† un¬† po’¬† presto¬† per¬† simili¬† valutazioni, ti¬† pare?).

– Dio¬† ti¬† ama ! Sappilo! (per¬† fortuna! Non¬† oso¬† pensare¬† cos’altro¬† mi¬† potrebbe¬† accadere¬† se¬† mi¬† odiasse¬† pure!).

– non¬† lasciare¬† che¬† la¬† tristezza¬† prenda¬† il¬† sopravvento! (visto¬† che¬† ci¬† tieni¬† tanto, ci¬† prover√≤. Sull’esito¬† di¬† tanto¬† sforzo, per√≤, ammetto¬† di¬† provare¬† qualche¬† dubbio).

Рricordati  che  non  devi  mai  perdere  la  speranza ! (ma  io  me  ne  ricordo, credimi. Però  è  la  speranza  che, da  sola, ogni  tanto  se  ne  va).

Рdevi  sempre  ascoltare  il  tuo  cuore! (lo  ascolto, lo  ascolto: infatti  sto  proprio  sentendo  ora  il  mio  solito  attacco  di  tachicardia).

– lasciati¬† andare¬† come¬† una¬† piuma¬† al¬† vento! (no¬† comment! A¬† tutto¬† c’√®¬† un¬† limite).

Peccato¬† aver¬† dimenticato¬† altre¬† chicche¬† d’inestimabile¬† valore, ma¬† vabbe’, ce¬† ne¬† faremo¬† una¬† ragione.

Trastulli

ja

Avrei¬† voluto¬† scrivere¬† un¬† post¬† serio, ma¬† non¬† riesco¬† a¬† farlo¬† perch√©¬† sto¬† ridendo.¬† Ho¬† saputo¬† che,¬† su¬† Facebook,¬† una¬† persona¬† che¬† conosco¬† solo¬† di¬† vista¬† ha¬† pubblicato¬† l’immagine¬† delle¬† radiografie¬† dei¬† suoi¬† polmoni, peraltro¬† sanissimi. Che¬† uno¬† sia¬† libero¬† di¬† pubblicare¬† una¬† cosa¬† simile¬† √®¬† un¬† dato¬† che¬† non¬† metto¬† in¬† dubbio: non¬† √®¬† contro¬† la¬† legge¬† mostrare¬† alcune¬† lastre¬† e¬† si¬† tratta¬† d’immagini¬† del¬† tutto¬† innocue. Per¬† certi¬† versi, possono¬† anche¬† essere¬† simpatiche, considerando¬† soprattutto¬† che¬† ciascuno¬† ha¬† i¬† propri¬† gusti¬† e¬† magari¬† c’√®¬† chi¬† considera¬† interessanti¬† o¬† divertenti¬† le¬† lastre¬† dei¬† polmoni¬† altrui. Ammetto¬† che¬† la¬† mia¬† naturale¬† riservatezza¬† mi¬† √®¬† d’ostacolo¬† per¬† la¬† comprensione¬† di¬† un¬† simile¬† fenomeno; tuttavia, trattandosi¬† di¬† un¬† sentire¬† soggettivo, lo¬† lascio¬† da¬† parte¬† e¬† mi¬† concentro¬† su¬† altro:¬† questa¬† faccenda, infatti,¬† ha¬† stimolato¬† la¬† mia¬† fervida¬† fantasia¬† e¬† non¬† riesco¬† a¬† trattenermi.

Seguendo¬† senza¬† indugio¬† la¬† via¬† aperta¬† dalla¬† pubblicazione¬† delle¬† lastre¬† e¬† conducendola¬† fino¬† alle¬† estreme¬† conseguenze, si¬† potrebbero¬† anche¬† mostrare, in¬† primo¬† piano¬† e¬† con¬† entusiasmo,¬† le¬† foto¬† dei¬† propri¬† denti¬† del¬† giudizio, appena¬† estratti¬† con¬† dolore¬† dalla¬† carne¬† viva¬† e¬† tutti¬† sanguinanti; e¬† che¬† dire¬† della¬† possibilit√†¬† di¬† pubblicare¬† con¬† gioia¬† la¬† foto¬† della¬† propria¬† cistifellea,¬† asportata¬† da¬† poco¬† e¬† messa¬† a¬† figurare¬† in¬† bel¬† vasetto¬† di¬† vetro? C’√®¬† poi qualcuno¬† interessato¬† a¬† osservare,¬† in¬† formato¬† gigante,¬† le¬† immagini¬† delle¬† tonsille¬† appena¬† tolte¬† a¬† un¬† bambino¬† di¬† sei¬† anni? E¬† dopo¬† simili, profondissime¬† domande, smetto¬† di¬† scrivere¬† e¬† vado¬† a¬† riprendermi.

Di primavera e ricordi


Correre fra l’erba e poi riposare, lasciarsi accarezzare dal sole tiepido e ricordare l’adolescenza, per catturare brevi intervalli di risate e di spensieratezza. Anche questa √® primavera: un sentiero colmo di primule e viole, che unisce le memorie d’un tempo lontano e la profonda magica quiete del presente.

(Nell’immagine il dipinto Ragazza sul prato, di Federico Zandomeneghi)

Alla fine di gennaio


Ho trascorso circa tre quarti d’ora a cercare immagini di dipinti ottocenteschi, perdendomi fra colori e atmosfere ma senza decidermi. In realt√† avevo quasi scelto, quando una voce interiore, saggia e cortese, mi ha consigliato di fermarmi. Arriva sempre un momento in cui occorre fermarsi per riordinare le idee, recuperare la necessaria lucidit√† e attendere che le ombre, almeno quelle pi√Ļ cupe, svaniscano.

Queste giornate di fine gennaio sono sempre freddissime. Tuttavia, sembra che il gelo non impedisca ad alcuni di uscire a quest’ora: dalla strada, infatti, arrivano grida e risate. Il divertimento del venerd√¨ sera prosegue nonostante l’inverno e il copione √® sempre lo stesso. Assistendo al ripetersi dei medesimi riti, sulla medesima via e stagione dopo stagione, si ha l’impressione che nulla cambi mai. Eppure qualcosa dovr√† mutare.

Gennaio se ne sta andando, terribile come sempre, col suo volto severo e gli occhi duri di chi non riesce a provare alcuna piet√†. Ma quasi non l’ho vissuto perch√© l’ho sentito fuggire via in fretta, e l’ho guardato con freddo distacco, addirittura con una punta di disprezzo. Ormai neppure gennaio riesce a colpirmi. Questa √® la prova che gli anni non sono trascorsi invano.