Riti, abitudini e pandemia

Il 31 gennaio qui a Modena si celebra la ricorrenza del patrono della città, San Geminiano. A causa del Covid, però, la tradizionale fiera che ogni anno si tiene in centro storico è stata annullata. Non è mai successo prima d’ora, almeno da quando io sono al mondo, e perciò mi dispiace: la perdita di un’abitudine consolidata è sempre un piccolo trauma, una minuscola ferita, un’assenza che pesa. Ai riti ci si affeziona perché regalano sicurezze: sono punti fermi nelle nostre esistenze costantemente travolte da incertezze e mutamenti, evocano ricordi d’infanzia, colori e sapori del tempo passato. Ma la pandemia ha una forza dirompente, cui non ci si può opporre, e dunque quest’anno niente fiera. Un piccolo sconquasso che si aggiunge a tutti gli altri.

Intanto buon fine settimana a chiunque passi su questo blog.

Oggi festa

santoScrivo  beatamente  rilassata  perché  oggi  è  San  Geminiano, grande  festa  qui  a  Modena, ricorrenza  molto  sentita  e  alla  quale  nessun  cittadino, nativo  o  adottato  che  sia, vuole  rinunciare. Il  centro  storico  è  letteralmente  invaso  da  una  marea  di  ambulanti  provenienti  non  solo  dall’Emilia  ma  anche  dalle  regioni  limitrofe. L’atmosfera  è  festosa  nonostante  il  freddo  rigidissimo, e  anch’io questa  mattina, con  impareggiabile  ardimento  e  sfidando  le  intemperie, mi  sono  tuffata  in  mezzo  alla  folla  per  guardare  e  divertirmi. In  queste  occasioni, non  conosco  il  significato  della  parola  vergogna, e  così  ho  comprato  una  bellissima  volpe  di  peluche, bianca  e  marroncina, con  una  coda  meravigliosa. No, no, non  devo  regalarla  e  nessun  infante: l’ho  comprata  per  tenerla  tutta  per  me, nonostante  la  mia  età  non  sia  consona  a  simili  trastulli. Ma, come  ho  scritto  sopra, in  certe  cose  non  conosco  il  concetto  di  vergogna, per  cui  la  magnifica  volpe  va  ad  aggiungersi  alla  mia  nutrita  collezione  di  animali  di  peluche.

Nel  mio  giro  di  ricognizione, ho  notato  un  massiccio  assalto  alle  bancarelle  piene  di  cibarie, soprattutto  a  quelle  con  grandi  porchette  esibite  in  tutto  il  loro  splendore: la  porchetta, si  sa, ha  il  suo  fascino  ed  è  difficile  resisterle.

A  mezzogiorno, con  partenza  da  corso  Duomo, c’è  stata  la  tradizionale  sfilata  delle  autorità  cittadine. Dopo  la  messa  nella  cattedrale, dove  ogni  anno, esibite  al  pubblico,  ci  sono  le  spoglie  del  povero  santo – cioè  di  quel  che  resta  di  lui  ed  è  ben  poco, quasi  niente – il   nostro  caro  sindaco-umarell, altri  vari  soggetti  in  fascia  tricolore  e  i  valletti  comunali  in  livrea  e  parrucca  bianca  hanno  sfilato  per  le  vie  del  centro  dietro  alla  banda: un  rito  che  si  ripete  identico  a  se  stesso  anno  dopo  anno  e  perciò  molto  rassicurante, il  segno  inequivocabile  che, in  fondo, tutto  cambia  per  non  mutare  mai, che  siamo  sempre  gli  stessi  nonostante  il  trascorrere  del  tempo. La  recita, insomma, è  riuscita  bene.

Dopo  aver  preso  parte  anch’io, come  tutti, alla  rappresentazione  collettiva, me  ne  sto  ora  buona  buona  nella  mia  stanza, al  calduccio, contenta  di  potermi  riposare  un  po’  dopo  giorni  alquanto  travagliati. Buon  fine  settimana  a  tutti! Ci  si  risente  a  febbraio. 😀

Feste d’inverno

Ieri  c’è  stata  la  tradizionale  fiera  di  S. Antonio, appuntamento  irrinunciabile  per  la  città  che  lo  vive  con  piacere  e  con  un  pizzico  d’entusiasmo. La  giornata  era  freddissima  e  attraversata  da  un’umidità  pungente  a  tratti  insopportabile; ma, nonostante  ciò, non  ho  mancato  all’appuntamento,  soprattutto  perché  la  fiera  si  svolge  in  centro  storico, cioè  nel  mio  quartiere. A  partire  dalle  diciassette  del  pomeriggio, ho  percorso  in  lungo  e  in  largo  le  vie  piene  di  bancarelle, peraltro  sempre  le  stesse  ogni  anno e  sempre  poste   nei  medesimi  luoghi, tanto  che, se  si  è  in  cerca  di  qualcosa, si  sa  a  priori  dove  dirigersi. Ma  questa  fiera  è  soltanto  la  premessa  per  quella  del  31  gennaio, in  cui  la  città  festeggia  il  suo  santo  patrono: il  31  gennaio  a  Modena  non  si  lavora  e  si  va  alla  tradizionale  fiera, che  è  una  replica  di  quella  del  17  gennaio, forse  con  qualche  bancarella  in  più. A  volte, il  31  gennaio  ci  regala  un  bel  sole  invernale, altre  volte  ci  fa  precipitare  nel  grigio  più  squallido  e  spento, altre  volte  ci  porta  la  neve. Chissà  cosa  accadrà  quest’anno!

A  dire il  vero, un  po’  di  neve  mi  piacerebbe, magari  in  un  fine  settimana, quando  non  si  è  obbligati  a  uscire  in  fretta  da  casa: una  bella  fioccata  costante  e  decisa, accompagnata  da  quel  silenzio  ovattato  che  sempre  caratterizza  le  giornate  nevose, e  che  suscita  un  senso  di  pace  raro,  quasi  proiettandoci  in  un’altra  dimensione. Senza  neve, l’inverno  non  è  davvero  tale, almeno  secondo  me.

Nel  gennaio  del  2009  abbiamo  avuto  una  nevicata  meravigliosa.  Ricordo  che  uscii  durante  la  tormenta  per  fotografare  la  città, che  sembrava  placidamente  addormentata  sotto  quel  manto  candido:

neve11

Ma  per  ora  l’inverno  c’intrattiene  con  nebbia  e  con  pioggia. E  noi  che facciamo? Ovvio: ci  accontentiamo. 🙂

 

Domenica sotto la neve


Questa mattina sono stata svegliata da un rumore insolito, che però ho subito riconosciuto nonostante il sonno: il rumore di una pala intenta a fendere qualcosa sul selciato. Ho compreso così che probabilmente l’oscurità della notte era stata accompagnata dalla neve. Quando sono andata alla finestra, ho visto un turbinìo di fiocchi bianchi che cadevano in fretta e la strada completamente candida.

Il giorno di San Geminiano, festa del nostro patrono, è iniziato in questo modo e la fiera, che ogni anno si svolge durante questa ricorrenza, ne ha risentito: ambulanti intenti a spalare per poter allestire i loro banchi, ovvi ritardi e rallentamenti. Eppure le abitudini sono più forti di qualsiasi cosa, e tanti cittadini hanno sfidato il tempo pur di passeggiare lungo le vie del centro e assistere a questa festa.
Io ho approfittato dell’occasione anche per scattare qualche foto, ma dopo circa un’ora ho preferito rientrare perché il freddo era eccessivo.

Adesso la neve sta continuando a cadere e mi chiedo quando smetterà. Ho l’impressione che quest’inverno tanto rigido sia iniziato da chissà quanti mesi, e il ricordo delle splendide giornate autunnali, accarezzate dolcemente dal sole, mi sembra soltanto un sogno confuso nella fitta nebbia dei miei troppi pensieri.

Fra pentole e padelle


Oggi qui a Modena si sta svolgendo la tradizionale fiera di S. Antonio, patrono degli animali, un appuntamento al quale è quasi impossibile mancare in parte perché la forza delle abitudini è tale da non ammettere deroghe, in parte perché, dato il clima invernale e la conseguente scarsa possibilità di svagarsi all’aperto, la fiera costituisce un’occasione per divertirsi spezzando così il gelo di giornate troppo fredde e grigie. Il 31 gennaio, poi, sarà la festa del nostro patrono, S. Geminiano, e anche in quell’occasione si ripeterà la medesima fiera, con più di cinquecento bancarelle provenienti da ogni parte d’Italia.

Ecco, proprio questo è un dato importante: gli ambulanti provengono da ogni parte della Penisola, e quindi abbiamo finalmente la possibilità di acquistare determinati oggetti a prezzi decisamente inferiori rispetto a quelli cui siamo abituati.
Oggi ho acquistato una padella di grandi dimensioni e di buona marca a 7€, grazie al fatto di averla comprata da un ambulante toscano. Ammetto di aver atteso la fiera apposta, perché mi serviva una padella nuova da aggiungere a quelle che già possiedo, ma non avevo alcuna intenzione di farmi freg…, ehm, di regalare troppo denaro a chi non lo merita.

Lo so: questo non è un argomento poetico. Ma nel prosaico svolgimento della vita quotidiana le umilissime padelle ricoprono un ruolo non trascurabile, per cui siamo tutti costretti a occuparcene, volenti o nolenti. Che ne sarebbe di noi, infatti, se non avessimo più padelle?