Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘comunicazione’


Non è come attraversare un prato a primavera, mentre il cielo sorride e i fiori sembrano parlare al vento; non è neppure come percorrere un sentiero quando l’autunno esibisce il meglio di sé e ci colpisce al cuore. Eppure è una passeggiata, una passeggiata su internet. Nel mio caso è caratterizzata da alcune abitudini ormai quasi irrinunciabili: c’è il blog da controllare, curare e migliorare, il solito forum in cui discutere dei casi di cronaca che m’interessano, i quotidiani on line da leggere, altri blog da visitare. E tutto ciò è accaduto per pura curiosità: desideravo studiare questo nuovo mezzo di comunicazione, capirne il funzionamento e le potenzialità; per farlo, ho dovuto ricorrere al metodo più adeguato, ossia all’esperienza. Mentre si fa, si apprende.

Ormai so cosa mi piace e cosa mi lascia indifferente, cosa mi attira e cosa respingo con forza. Ho scelto il mio sentiero, insomma, dopo averne visitati tanti al solo scopo di capire, e mi piace perché l’ho tracciato io poco alla volta, tessera dopo tessera, come se stessi formando un mosaico. Così, nonostante gli impegni e gli svaghi della vita reale, e spesso a dispetto della stanchezza, mi trovo quasi ogni giorno a compiere questa passeggiata tanto particolare. Magari non posso camminare lungo l’intero sentiero, però percorro sempre qualche metro.

(In foto, I papaveri di Claude Monet)

Annunci

Read Full Post »


Scrivere pubblicamente è una responsabilità. Quando si sa che tante persone leggono, è inevitabile interrogarsi sui contenuti dei propri post, chiedendosi, ad esempio, che effetto farà un certo argomento sui lettori o che impressione lasceranno i nostri toni.
Non è semplice come può sembrare a chi non scrive e si limita a leggere. Esporsi su un blog, anche attraverso un nickname, significa offrire parti di sé a persone sconosciute. I giorni trascorrono, uno dopo l’altro, e non sono tutti uguali: capita di essere allegri, malinconici, sfiorati dai ricordi, depressi, sereni. E si scrive influenzati, di volta in volta, da questi umori, ben sapendo che non si può pretendere egoisticamente che i lettori comprendano o tollerino o apprezzino tutto senza distinzione.
Capita allora di dover mitigare la malinconia o frenare l’allegria o cercare le parole adeguate per esprimere qualcosa che, raccontata in termini netti e decisi, potrebbe amareggiare o sconcertare.
In questo senso ho parlato di responsabilità, una responsabilità che implica anche fatica, sebbene sia una fatica cui mi sottometto volentieri. Nessuno, infatti, mi obbliga a scrivere qui, ma è una mia libera scelta di cui continuo a essere felice.

Vivere è un continuo sforzo di mediazione. Anche fare il blogger, dunque, implica la necessità di mediare fra le proprie esigenze di comunicazione personale, talvolta dirompenti, e i diritti dei lettori che reclamano un po’ di svago o di pace o di divertimento, a seconda dei casi e dei giorni. Resta la consapevolezza che non si può sempre accontentare tutti.

Read Full Post »

ospite
Trama
Rimasta vedova da poco tempo, la fotografa Francis (Emma Thompson) è profondamente depressa e lascia che sia il figlio adolescente Alex a occuparsi di lei. Sua madre Elspeth (Phyllida Law) ha intenzione di scuoterla e, pur essendo anziana, affronta il ghiaccio e il freddo per farla uscire da casa.
Intanto Alex, mentre si reca a scuola, fa amicizia con una ragazzina segretamente invaghita di lui, due anziane donne del villaggio vanno ad assistere a una cremazione e due preadolescenti marinano la scuola per finire a conversare di problemi familiari.
La vicenda si svolge nell’arco di una mattinata. Sullo sfondo, i gelidi e affascinanti colori dell’inverno in un villaggio scozzese di fronte al mare ghiacciato.

Commento
The winter guest (1997), in italiano L’ospite d’inverno, è un film drammatico girato da Alan Rickman, noto attore inglese.
Difficoltà di relazione e di comunicazione, ansie, piccoli egoismi, rancori, timore del futuro, timore della morte: questi sono i temi fondamentali trattati dalla pellicola.
Attraverso i dialoghi fra i personaggi l’opera affronta, nello stesso tempo, complessi problemi metafisici e questioni più concrete legate allo svolgimento dell’esistenza quotidiana, tutto con toni a volte ironici e lievi, che sconfinano persino nel comico, a volte seri e molto austeri. Perciò il film è caratterizzato da un’ambiguità di fondo, a causa della quale non sembra completamente risolto.

Nonostante ciò, alla fine della pellicola si tenta una sintesi, ossia, attraverso la condotta e le scelte di alcuni personaggi, si cerca di mettere in luce una soluzione pratica a tutti i problemi mostrati. Se è vero che l’esistenza è colma d’incognite e noi siamo fragili vittime d’infinite incertezze, se è vero che siamo impotenti di fronte alla morte e spaventati di fronte al futuro e all’ignoto, soltanto la capacità di entrare in relazione con gli altri, di creare rapporti e affetti e di saper essere solidali può costituire un punto di forza grazie al quale affrontare le tempeste della vita.
Resta invece indecifrabile, o aperta a più interpretazioni, la scelta dei due ragazzini che decidono di camminare sul mare ghiacciato avvolti dalla nebbia.

Un film adatto a chi ama i ritmi lenti e a chi non teme di soffermarsi sui particolari. Bella la fotografia, nell’insieme buona la recitazione degli attori fra i quali spicca Phyllida Law che, nella vita reale, è davvero la madre di Emma Thompson.
Voto: 7

Una frase tratta dal film
Elspeth (Phyllida Law) alla figlia Francis (Emma Thompson):
Hai sempre avuto un’ossatura perfetta, l’hai presa da me. Sarò un bellissimo scheletro quando arriverà il momento.

Read Full Post »