Il nostro lato infantile

Oggi è arrivata la pioggia, abbastanza intensa. Ma adesso il cielo si sta schiarendo e l’atmosfera non è opprimente né malinconica. Il vento, però, non se ne va, segno di profonda inquietudine.

Anche nel mondo onirico il vento è simbolo di metamorfosi. Quando arriva, infatti, spezza un equilibrio, mette in discussione l’esistente, produce una trasformazione. Le cose cambiano, non possono restare sempre immobili. Questo ci racconta il vento.

In primavera, il vento ci affascina perché lo colleghiamo al carattere mutevole di questa bellissima stagione. Non potremmo neppure immaginare una primavera senza vento e nuvole che si rincorrono in cielo e umori altalenanti. Che la primavera sia capricciosa, come i bambini e gli adolescenti, è parte del suo fascino, che risiede nella sua ingenua vitalità, nei suoi indomabili impulsi, nel suo ottimismo. Come resisterle? Chi di noi non avverte, in questo periodo, il desiderio di tornare adolescente e di riuscire ancora a sognare? Chi di noi non vorrebbe fare una breve vacanza nel passato per rivivere certe ore magiche o apparentemente tali? La primavera suscita tutti questi desideri, e la voglia di correre, di fare marachelle, di scherzare, di parlare a lungo anche del nulla.

La primavera stuzzica il nostro lato infantile e, così facendo, stimola anche la nostra creatività.