Movida in centro storico

Chiedo sommessamente: ma è davvero indispensabile darsi alla movida con estrema disinvoltura, come se niente fosse accaduto? Lo so, è un discorso impopolare; lo so, i giovani e le giovani hanno bisogno di divertirsi, di stare insieme e di strillare in gruppo. Lo so, sono stata adolescente e gggggiovane anch’io, e mi sentivo come un torrente in piena.

Però qui si rischia grosso, perché la pandemia non è scomparsa, ma permane allegramente e in silenzio accanto a noi, pronta a scatenarsi in ogni momento. Non bisogna rinunciare agli svaghi e alle amicizie; però sarebbe saggio gettarsi nella socialità più spinta con maggiore prudenza. Bastano piccoli accorgimenti, come ad esempio evitare di stare tutti appiccicati.

(L’immagine proviene da: http://www.modenatoday.it/attualita/controlli-centro-movida-sera-22-maggio-2020.html)

La prima passeggiata dopo tanto tempo

Nel tardo pomeriggio sono uscita per una breve passeggiata, la prima dopo due mesi. Mi sono sentita un po’ disorientata, in lieve difficoltà e persino malinconica; ma penso che sia normale dopo un lungo periodo di quarantena.

Lungo il viale si sono formati piccoli assembramenti, soprattutto perché la pista ciclabile affianca la parte pedonale, e oggi i ciclisti, dato il clima mite e il desiderio di sfogarsi, erano tanti. Io mi sono sempre allontanata dai gruppi di persone riunite sui marciapiedi, ma ciò che ho visto mi ha lasciata perplessa: troppi comportamenti poco meditati. Ho notato persino un gruppo di giovani sotto a un piccolo gazebo in un parchetto, tutti appiccicati e senza mascherine. Comprendo il desiderio di vivere in pieno questa bellissima stagione e di stare all’aperto in compagnia, però penso che bisognerebbe cercare di essere un po’ più prudenti. Oltretutto sarebbe vietato, almeno qui in Emilia-Romagna, sedersi in gruppo nei parchi, e invece ho visto anche una simpatica anziana, che vive nel mio condominio, seduta contenta in panchina insieme ad altre arzille vecchiette, tutte con la mascherina abbassata sul collo.

Mi auguro che le condotte imprudenti restino molto circoscritte e che non si ritorni a un nuovo lockdown, perché sarebbe insostenibile sia sul piano psicologico sia sul piano economico.