Tracce d’estate

È un’immagine quasi estiva catturata la scorsa domenica in campagna, appena fuori città. Evoca il mese che si appresta a tornare, giugno, e l’estate spensierata degli inizi, ricca di promesse e d’infinite fantasie.

Mi sovvengono, così, le vacanze alla fine della scuola, benedette, e quel desiderio intenso, febbrile – una malattia – di chiudere la porta di casa e correre fuori, nel mondo, per abbracciarne ondulazioni e asperità.

Non sono l’unica, almeno credo, a rivedere quei giorni lontani, adesso che giugno è un’altra cosa, un’ombra o un pallido fantasma.

  1. Ciao Romina,
    la foto che hai postato sembra effettivamente evocare atmosfere e sensazioni di molti anni fa, quando giugno era davvero la porta verso un periodo di libertà e spensieratezze…le balle di fieno poi mi ricordano le interminabili partite di pallone di allora nei grandi parchi ad inizio estate…

    • Ciao, Filippo1.
      Penso proprio che giugno sia fonte di ricordi e di emozioni per tante persone. Forse molti di noi vorrebbero tornare, anche solo per poco, a un giugno di tanti anni fa, quando ci liberavamo da tante catene. Eravamo felici del sole e delle giornate sempre più lunghe. 🌻☀️🌞

      • Condivido quello che hai scritto
        Quando ero a scuola o quando la facevo giugno era il mese della liberazione, della bella stagione, della libertà e del sole. Due mesi e mezzo per non pensare a settembre. Ora non ha più il sapore di una volta, i giorni le stagioni scorrono quasi uguali.
        Saluti.

E tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...