Di feste e anticipazioni

All’inizio di ottobre – ma davvero all’inizio, al principio – li hanno esposti con discrezione, con sprezzatura, come a dire sì, ci sono, se vuoi puoi dare un’occhiata, ma senza impegno, per carità. Poi, verso la metà del mese, si sono moltiplicati pur restando ancora piccini, in versione mini, tanto graziosa, da casa delle bambole. A fine ottobre è arrivata la novità: eccoli in fila e grandi, di giuste dimensioni, però appollaiati tutti sugli scaffali in alto, nella zona frutta e verdura, a fare compagnia a peperoni e zucchine, perché magari qualcuno, sbirciando lassù, ne approfitta subito.

Si tratta dei panettoni. All’Esselunga sono comparsi così, in un crescendo silenzioso ma costante. Ricordo con nostalgia il periodo, ormai lontano, in cui decorazioni e cibi natalizi apparivano nei negozi ai primi di dicembre. Adesso, invece, siamo sommersi dal clima festivo fin dall’inizio dell’autunno, proprio quando il ricordo delle vacanze estive è ancora intenso.

Attendiamo con fiducia il momento in cui, a Ferragosto, ci venderanno il pandoro insieme all’uovo di Pasqua.