I suoni della natura

Su youtube si trovano video lunghissimi – in alcuni casi durano anche dieci ore – che riproducono il rumore della pioggia e dei temporali, del vento e del mare, del fuoco nel caminetto con i tuoni in lontananza, dell’acqua delle cascate e tanto altro ancora. In sintesi, i suoni della natura. Sono molto rilassanti, tanto da favorire il riposo notturno, ma anche la concentrazione durante la lettura, lo studio o altri impegni quotidiani.

Personalmente amo molto il sottofondo con pioggia e temporale, perché crea un’atmosfera intima, raccolta, serena. Anche adesso, mentre sto scrivendo questo post, ascolto il ritmo incessante della pioggia e i tuoni, e mi diverte l’idea che sia possibile sentire il rumore della pioggia in ogni momento, magari in piena estate, con i soliti, intollerabili 40° all’ombra, il sudore che cola in modo vergognoso e il senso di soffocamento a ogni ora.

Per chi ha gusti marcatamente bucolici, esiste anche la possibilità di trastullarsi con l’ascolto delle campane al pascolo in un bel prato di primavera, inclusa la presenza di volatili. Ottima esperienza, soprattutto per provare l’ebbrezza di sentirsi come Heidi, e ti sorridono i monti e le caprette ti fanno ciao.

  1. Verrà l’ estate ? No … non mi interessa
    questa stagione, rumorosa e strana,
    che l’ alma nostra palpitante stressa ! 😦
    Meglio l’ Autunno, coi suoi tenui colori,
    coi suoi silenzi … e le Memorie ! I cuori
    si sveglian, lieti, ad una vita nuova,
    che pare fredda, ma la brace cova :
    o dolor mio, riposa dolcemente,
    porta il sorriso al Cavaliere Errante !

    • Ciao, concordo con te, l’autunno è una stagione meravigliosa, con i suoi colori caldi e le sue ineguagliabili suggestioni..ma anche l’estate, lontano dal chiasso e dalla ressa, ha i suoi luoghi di silenzio e introspezione….la difficoltà sta nel trovarli

  2. Ciao, concordo con te, l’autunno è una stagione meravigliosa, con i suoi colori caldi e le sue ineguagliabili suggestioni..ma anche l’estate, lontano dal chiasso e dalla ressa, ha i suoi luoghi di silenzio e introspezione….la difficoltà sta nel trovarli

  3. Se non ci fosse in me questa tristezza,
    giocherei con la pioggia e le stagioni,
    e con l’ acqua che il volto m’ accarezza,
    potrei provare ancor nuove emozioni ! 🙂
    Ma, da quel trenta di aprile … che amarezza
    e come grigie mi appaion le stagioni ! 😦

E tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...