Oggi festa

santoScrivo  beatamente  rilassata  perché  oggi  è  San  Geminiano, grande  festa  qui  a  Modena, ricorrenza  molto  sentita  e  alla  quale  nessun  cittadino, nativo  o  adottato  che  sia, vuole  rinunciare. Il  centro  storico  è  letteralmente  invaso  da  una  marea  di  ambulanti  provenienti  non  solo  dall’Emilia  ma  anche  dalle  regioni  limitrofe. L’atmosfera  è  festosa  nonostante  il  freddo  rigidissimo, e  anch’io questa  mattina, con  impareggiabile  ardimento  e  sfidando  le  intemperie, mi  sono  tuffata  in  mezzo  alla  folla  per  guardare  e  divertirmi. In  queste  occasioni, non  conosco  il  significato  della  parola  vergogna, e  così  ho  comprato  una  bellissima  volpe  di  peluche, bianca  e  marroncina, con  una  coda  meravigliosa. No, no, non  devo  regalarla  e  nessun  infante: l’ho  comprata  per  tenerla  tutta  per  me, nonostante  la  mia  età  non  sia  consona  a  simili  trastulli. Ma, come  ho  scritto  sopra, in  certe  cose  non  conosco  il  concetto  di  vergogna, per  cui  la  magnifica  volpe  va  ad  aggiungersi  alla  mia  nutrita  collezione  di  animali  di  peluche.

Nel  mio  giro  di  ricognizione, ho  notato  un  massiccio  assalto  alle  bancarelle  piene  di  cibarie, soprattutto  a  quelle  con  grandi  porchette  esibite  in  tutto  il  loro  splendore: la  porchetta, si  sa, ha  il  suo  fascino  ed  è  difficile  resisterle.

A  mezzogiorno, con  partenza  da  corso  Duomo, c’è  stata  la  tradizionale  sfilata  delle  autorità  cittadine. Dopo  la  messa  nella  cattedrale, dove  ogni  anno, esibite  al  pubblico,  ci  sono  le  spoglie  del  povero  santo – cioè  di  quel  che  resta  di  lui  ed  è  ben  poco, quasi  niente – il   nostro  caro  sindaco-umarell, altri  vari  soggetti  in  fascia  tricolore  e  i  valletti  comunali  in  livrea  e  parrucca  bianca  hanno  sfilato  per  le  vie  del  centro  dietro  alla  banda: un  rito  che  si  ripete  identico  a  se  stesso  anno  dopo  anno  e  perciò  molto  rassicurante, il  segno  inequivocabile  che, in  fondo, tutto  cambia  per  non  mutare  mai, che  siamo  sempre  gli  stessi  nonostante  il  trascorrere  del  tempo. La  recita, insomma, è  riuscita  bene.

Dopo  aver  preso  parte  anch’io, come  tutti, alla  rappresentazione  collettiva, me  ne  sto  ora  buona  buona  nella  mia  stanza, al  calduccio, contenta  di  potermi  riposare  un  po’  dopo  giorni  alquanto  travagliati. Buon  fine  settimana  a  tutti! Ci  si  risente  a  febbraio. 😀

  1. E buona fine settimana a te, @Romina cara !
    Mi pare di vederti …. una intramontabile fanciulla intenta al telaio a ricamar, serenamente, biancheria …. ora spostando i pensieri al passato, ora sorridendo al futuro, ora lasciandosi rapire leggiadramente al sogno !!!
    Così …. quando descrivi le feste popolari della tua città, così quando ricordi frammenti della tua vita, così ogni volta che scrivi, col tuo stile sempre cortese !!! 🙂

  2. Vergogna nel comprare cose che dovrebbero essere per bambini?
    Io ho adottato un metodo: bisogna assumere quell’aria distaccata e noncurante, tipica del papà che è costretto a comprare qualcosa per il figlio. 🙂
    M’è servito quando ho comprato il peluche di serpente all’Ikea (quello verde acido) e le stelle di meteriale fluorescente da attaccare al soffitto (io e mia moglie siamo eterni bambini), poi ogni tanto prendo un ovetto kinder (alla mia lei piace la sorpresa, mentre il cioccolato me lo pappo io).
    Ma quella volta del serpentone è stato fantastica: non sapendo dove metterlo, mi sono diretto alla macchina col serpente avvolto al collo… non vi dico le facce dei bambini che incrociavo! 😀

    Adesso sto cercando un libro che avevo quando ero piccolo e vorrei sfogliarlo di nuovo: era una specie manuale delle giovani marmotte, ma non mi ricordo quale e nemmeno la copertina. Parlava in particolare dei possibili giochi da fare nel bosco e aveva delle bellissime illustrazioni.
    Così sto vedendo in biblioteca. E’ strano andare al bancone a dire “prendo questo” porgendo il manuale delle giovani marmotte.
    Quando sfoglio questi libri un pò mi dispiace non avere figli, ma comunque vedo che i bambini di oggi preferiscono giocare con l’iPad. La figlia dei miei vicini si contende sempre quello dei genitori e così per natale le hanno regalato un mini-pad o qualcosa del genere: è una versione di iPad per bambini, più dedicato ai giochi didattici e meno a internet (credo non ci sia la connessione) e a altre funzioni da adulti.
    Ora riesce a battermi nei giochi elettronici e conosce tutte le canzoni e i balletti dei villaggi turistici di ogni paese esotico, ma non ha mai visto una gallina.

    • Marco@ Ora riesce a battermi nei giochi elettronici e conosce tutte le canzoni e i balletti dei villaggi turistici di ogni paese esotico, ma non ha mai visto una gallina.

      Questo è un vero peccato. Io, per fortuna,da bambina ho visto polli e tacchini, mucche al pascolo, qualche gatto selvatico e altre bestiole. In giardino, in montagna, per un certo periodo s’installò persino un porcospino. Mi ricordo che, di sera, andavo a spiarlo. 🙂

  3. Bruno@ quando descrivi le feste popolari della tua città, così quando ricordi frammenti della tua vita, così ogni volta che scrivi, col tuo stile sempre cortese !!!

    Grazie, caro Bruno! Speriamo di continuare su questa strada. 🙂

    Marco@ Adesso sto cercando un libro che avevo quando ero piccolo e vorrei sfogliarlo di nuovo: era una specie manuale delle giovani marmotte, ma non mi ricordo quale e nemmeno la copertina. Parlava in particolare dei possibili giochi da fare nel bosco e aveva delle bellissime illustrazioni.
    Così sto vedendo in biblioteca

    Io conservo ancora il Manuale di nonna Papera e ogni tanto lo sfoglio. 😀

    Comunque, nel post non ho esagerato: io non so davvero cosa sia il pudore quando si tratta di peluche. Non fingo nemmeno indifferenza quando li compro, anzi: li tocco, accarezzo il pelo per assicurarmi che sia di buona qualità e poi acquisto con soddisfazione. E mi si legge in viso che sono soddisfatta. Né ho intenzione di cambiare. 😉

E tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...