Suggestioni

lega

Ho  pubblicato  l’immagine  di  questo  bellissimo  dipinto  altre  volte: si  tratta  di  La  visita, un’opera  del  pittore  macchiaiolo  Silvestro  Lega (1826-1895)  che  io  amo  molto. La  ripubblico  oggi  perché  particolarmente  suggestiva  in  una  giornata  fredda  e  grigia  come  questa. Nel  dipinto, infatti, l’atmosfera  è  desolata  e  squallida  a  causa  del  clima, ma  tale  desolazione  è  felicemente  spezzata  dal  gesto  d’affetto  delle  due  donne  davanti  alla  casa. Come  a  dire: non  importano  il  gelo  e  la  tristezza  della  stagione  invernale  se  siamo  noi  a  infondere  calore  alla  nostra  esistenza, attraverso  gesti, azioni  e pensieri. Del  resto, l’inverno  stimola  a  cercare  riparo  e  quindi  favorisce  l’intimità, il  pensiero  profondo, lo  sguardo  prolungato  e  acuto  su  cose  e  persone.

Ma  dopo  l’inverno, si  sa, arriva  la  primavera, inevitabile  preludio  all’estate:

ragazza

Si  cammina  fra  il  verde  di  cespugli  esultanti  per  il  sole  e  l’inquieto  azzurro  del  cielo; si  cammina, poi  ci  si  ferma  e  si  pensa: si  guarda  un  punto  oltre  l’orizzonte, si  osserva  con  attenzione, si  vuole  capire, ci  si  rifiuta  di  distogliere  gli  occhi. Forse  si  attende  qualcuno  o  qualcosa, o  forse  ci  si  trova  di  fronte  a  una  scena  che  suscita  la  nostra  curiosità. Ma  resta  il  fatto  che  si  guarda  con  serietà. In  altre  parole: anche  se  la  stagione  invita  a  disperdersi, si  resta  presenti  a  se  stessi, si  rimane  vigili, padroni  di  sé  e  della  propria  esistenza. Il  dipinto è  Ragazza  con  l’ombrello, opera  di  Federico  Zandomeneghi, altro  noto  macchiaiolo.

  1. E’ un opera meritoria la tua, @Romina : io stesso, quantunque conoscessi alcuni pittori ‘macchiaioli’, imparai qui da te ad apprezzare @Zandomeneghi, e spinto a saperne di più, sia sul pittore ( delizioso … ), sia sull’ uomo, “un grande italiano” ! 🙂
    E poichè so che ami la poesia …. ti lascio alcuni versi d’ amore che mi ha fatto conoscere una mia amica blogger : io, pensavo che li avesse scritti @Hesse ( o, al limite, il miglior @D’Annunzio …. poeta che in genere non amo assai, se non in alcune sue cose ) . Li aveva scritti, invece, @Paolo Villaroel ( un poeta a me sconosciuto ), e leggendoli e rileggendoli …. penso che siano fra i più belli che io abbia mai letto …. emozionandomi !!!

    OGNI SERA
    Era soave alla mia vita l’ora
    dei segreti convegni, se tremavi
    fra le mie braccia, al brivido del vento
    che portava la voce aspra del mare.
    Altri ora illude il dolce inganno. E nulla
    muta; se pure il nostro giorno è spento.
    Implacabile tempo, tu ritorni,
    ostinato ed uguale, sulla terra,
    dove i vivi camminano sui morti,
    e, senza scampo, amaramente invecchia,
    da stagione a stagione, il nostro cuore.
    @Paolo Villaroel

  2. Pensa @Romy … neanche io conoscevo questo poeta : apparsi nel suo blog a commento di un suo post, poichè mi colpirono particolarmente, chiesi alla mia amica blogger chi li avesse scritti ! Ebbene, da vecchi libri che lei aveva ereditato, riuscì a identificarli come opera di @Villaroel …. poeta anche a lei sconosciuto prima di allora ! Ed ancora una volta, mi accorsi di quanto splendida sia la poesia, specialmente quando la scopriamo dove meno ci saremmo aspettati di trovarla, col suo respiro ampio …. e con la sua perenne, immutabile bellezza ! 🙂

E tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...