Intermezzo

Questi  ultimi  giorni  di  novembre  sono  volati  via  con  rapidità  sconcertante: i  troppi  impegni  mi  hanno  impedito  di  scrivere  quanto  avrei  voluto  e  questa  sera  sono  stanchissima.

È  arrivato  un  freddo  intenso  tipicamente  invernale, anche  se  i  colori  e  gli  alberi  sono  ancora  autunnali. Questa  mattina, in  treno  verso  Bologna, ho  potuto  ammirare  una  campagna  colma  di  cespugli  rossi  e  di  foglie  dorate, splendenti  sotto  il  sole  e  il  cielo  limpido.

Stagioni 2013 022

Ho  scattato  questa  foto  lo  scorso  ottobre, in  una  giornata  grigia  ma  non  molto  fredda, una  di  quelle  giornate  che  soltanto  ottobre  sa  regalare: accogliente, misteriosa, compiacente. La  pubblico  in  questa  serata  in  cui  non  sono  in  grado  di  scrivere  nulla  d’interessante  o  divertente, perché  troppo  stanca  persino  per  poter  pensare. Intanto, buon  fine  settimana  a  tutti. 🙂

  1. Buon fine settimana a te … @Romina cara : la stanchezza, la si vince facendo riposare un poco il corpo, ma soprattutto, cercando di chiamarsi fuori dal flusso inarrestabile, ed immemore, della gente che già festeggia, e lasciando scorrere liberamente la mente lungo quei sentieri che soltanto il sogno, e la memoria grata, sanno compiutamente illuminare con la giusta luce !

  2. Buon pomeriggio a voi e grazie per le vostre parole. 🙂
    Questa mattina ho rallentato un po’ il ritmo (ieri ho dovuto correre come una trottola) e oggi pomeriggio ho fatto una torta paradiso. Adesso mi trastullo un po’, come i bambini. Ma ho anche intenzione di scrivere.
    Buona serata. 🙂

  3. Ciao Romina,
    rilassarsi dopo la settimana piena di impegni è giusto e doveroso!
    Fare torte è senza dubbio un modo di scaricare lo stress,perchè i dolci ci ricordano la domenica,il riposo!
    Oggi da me ha fatto un paio d’ore di neve,niente di speciale,ma l’atmosfera che si respirava era gradevole.
    Ciao buon week a tutti

  4. Io invece mi sto un pò annoiando. Non mi posso lamentare della mia vita: niente va male. Anzi, forse non è mai stata così libera da questioni negative… nemmeno un problema dal dentista, nemmeno una preoccupazione sul lavoro, ecc.
    Tuttavia non va nemmeno bene. Cioè, niente di speciale. Sogno molto, ho sempre la testa immersa nelle mie fantasie come se la fantasia fosse l’unico mondo dove possa vivere una vita interessante.
    A dire il vero questa cosa l’ho sempre fatta fin da bambino, ma da bambini si sogna con la speranza di poter un giorno fare. Mentre da adulti si sogna perchè ormai s’è capito che la vita è questa e stop.
    Ogni tanto mi sento un pò depresso…

    Che poi… boh… credo anche sia una insoddisfazione “fisiologica”: l’eterna insoddisfazione dell’uomo!!
    Perchè a dire il vero questo we non è stato affatto male. E’ stato piacevole. Niente di “super”, ma comunque carino. Quando di lunedi sento cosa invece hanno fatto i miei colleghi, capisco di essere fortunato!
    Tuttavia mi sento come se…come se a ogni giro giocassi sempre liscio, aspettando l’occasione migliore per giocare le briscole o i carichi (sapete giocare a briscola?) ma ,aspettando aspettando, in realtà passano i mesi e le stagioni senza mai giocare forte.

    E poi è di nuovo lunedi.
    Ma nella mia fantasia ogni weenend sono un montanaro selvaggio e solitario che attraversa terre silenziose, ogni sabato notte guardo le stelle da una montagna e dormo in un saccoapelo vicino al fuoco, mentre durante la settimana ho una moglie sempre terribilmente arrapata (per l’uomo che non deve chiedere mai) ,sempre, mai nemmeno il ciclo 😀 😀 😀 YouPorn? Un sito troppo cattolico 😀
    A volte mi viene da incolpare mia moglie per tutto questo, perchè la vedo come un freno a mano leggermente ma costantemente tirato. Si fa troppe menate inutili.
    Ma poi in realtà ,quando litighiamo, mi ritrovo a passaggiare svogliatamente in un cortile col nodo alla gola e gli occhi gonfi, senza alcuna voglia di avventure nè montanare nè sessuali.

    Mah… sarà che è lunedi. Sono triste e pessimista.
    Oggi non mi va di inventare i soliti palliativi per tirarmi sù: il fare qualcosa di buono da mangiare (magari con tanto cioccolato), le foto al parco, ecc. No.
    Oggi c’è da stare depressi e basta. 🙂

  5. Miiiii, ma che depressione che ho messo!!!!
    Vedi Romina? Mi piace fare il piangina! Mai che faccio come te, che scrivi tenendo da parte i problemi….

  6. Ciao, Claudio@. Spero che anche qui venga un po’ di neve, perché a dicembre sarebbe perfetta: Natale con la neve è sempre affascinante. 🙂

    Marco@, non sei stupido. Ognuno ha i propri momenti d’insoddisfazione, tristezza e noia dovuti alle ragioni più disparate. Questa è anzi la normalità, visto che non si può essere sempre contenti e pimpanti. E anche nelle migliori famiglie esistono i momenti più complicati.
    Se poi si ha la forza di guardare bene dentro se stessi, si riesce sempre a capire perché ciò accade, e quindi a trovare un rimedio o a razionalizzare.

    Marco@ Vedi Romina? Mi piace fare il piangina! Mai che faccio come te, che scrivi tenendo da parte i problemi….

    Ma è diverso, pensaci bene: io scrivo pubblicamente decidendo i temi da trattare e quindi, avendo il compito d’intrattenere un po’ chi legge, devo cercare di mantenere un certo equilibrio fra gioia e malinconia. Ma il ruolo di chi commenta è differente: chi commenta può tranquillamente sfogarsi, quando lo desidera, anche perché qui siamo – per fortuna – persone normali, che non hanno l’obbligo di ridere sempre e comunque e di fingersi su di giri ed entusiaste, come invece accade in altri contesti.
    Il dato positivo dei blog è anche questo, che si parla di vita vera, vita vissuta ogni giorno dalle persone, senza i filtri e le imposizioni di altri mezzi di comunicazione. 😉

  7. Capita @Marco caro … e più spesso di quanto non si pensi, e proprio quando ogni cosa, nella quotidianità ( amore, salute, lavoro, rapporto con gli altri, soddisfazioni e gratificazioni …. ), va per il verso giusto, che cada su di noi l’ ombra della malinconia più struggente ! 😐
    E allora … che fare ???
    Non penso che ci siano ricette e/o palliativi atti a risollevarci davvero da questo stato d’ animo .
    Se ci fossero cause reali, certamente potremmo combatterle per cercare di rimuoverle, ma quando queste non esistono ( fortunati noi … ), cosa mai dovremmo cercare … e dove ???
    Siamo esseri fragili, amico mio, esseri pensanti e raziocinanti …. e sappiamo benissimo che, mentre l’ anima è un contenitore sconfinato che sarebbe impossibile riempire, d’ altra parte la nostra vita è solo un alito di vento, un respiro infinitesimo, dopo il quale noi non ci saremo più !
    Così, ammesso che io possa darti consigli “erranti”, lasciati pure attraversare da questa malinconia che è figlia del vivere, e se ci sono lacrime da versare per i sogni non più realizzati nostro malgrado o per ciò che hai perduto e ti manca tanto …. Tu versale, sfogati, non vergognartene, ma poi, quando il pianto si arresta, non rimanere prigioniero del rimpianto, ricurvati su te stesso e su ciò che ami più di te stesso : non guarirai definitivamente, ma sorprendentemente ritroverai quella parte di te, più nobile e migliore, che è la degna compagnia per riprendere questo nostro tribolato, eppur splendido, Viaggio senza ritorno !!! 🙂

  8. Postescritto
    Un mio antico compagno ai banchi del Liceo … scrisse, lui allora diciottenne, questi versi : allora, non gli diedi particolare importanza …. poi, nello scorrere del tempo, li porto sempre con me !

    Brancolo nel buio
    con gli occhi sbarrati
    dalle lacrime …
    Mi curvo
    sulla ferita dell’ anima mia
    e la lavo col pianto .

  9. Grazie a tutti. 🙂
    Comunqu oggi è martedi e mi sono già riabituato alla vita quotidiana.
    E’ sempre così: di lunedi ho ancora l’animo battagliero, poi mi riaccuccio…
    Un pò come dice la canzone di Luca Carboni (facendo però riferimento ai mesi, più che ai giorni della settimana):

  10. ottobre, novembre, dicembre…
    ancora rivoluzione…
    non mi voglio arrendere mai…

    Certe notti nel letto
    penso alla mia vita
    e non mi sento a posto
    vorrei fare di più ed essere più profondo
    vorrei cambiare anche il mondo
    ma poi mi metto a dormire
    forse per non sentire
    … per non star male

  11. Sì, adesso il freddo è diventato intenso: è il freddo che ghiaccia, che ci fa camminare tutti rigidi con la testa schiacciata tra le spalle 🙂
    Io ho fermato l’assicurazione della moto, perchè l’ultima volta ho dovuto scaldarmi le mani sul motore per tornare ad avere la sensibilità.

    Però mi pacciono molto quelle rare (qui al nord) splendide giornate soleggiate che capitano durante l’inverno!
    L’ultimo we è stato cosi’: sabato grigio e neve, domenica sole splendido col cielo completamente azzurro senza nemmeno 1 nuvoletta!

  12. Un paio di foto del mio giretto di domenica 🙂


    Il monte è il “famoso” (per chi è della zona) Resegone, sopra a Lecco.
    Il “pensatore” non sono io, ma uno sconosciuto che ho usato come modello.

  13. Eccomi qui, dopo qualche giorno di silenzio.

    La poesia del tuo amico, Bruno@, è davvero bella e profonda. Non mi meraviglia che tu possa ricordarla.

    Marco@, uffa, non riesco a vedere le tue foto: mi dice “forbidden”. 😦 Che rabbia!

    Ben ritrovato, caro Daniele@.

    Vi auguro un buon fine settimana, riposante e allegro. 🙂

    • Don’t worry, sappiamo che non sei pazzo. 😀

      Sììììì! Le vedo con plus613. 🙂 Il monte Resegone è bellissimo, un panorama stupendo!

      (Vi avverto che, quando inserite commenti con molti link, il blog vi mette in moderazione. Ma poi io vi approvo. 😀 )

E tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...