Di magica sospensione

gatti-al-freddo-in-inverno_come-curarli

Oggi, tutt’intorno  si  avverte  un  silenzio  che  non  è  effetto  della  stanchezza. Non  è  il  silenzio  di  chi  è  esausto, ma  quello  di  chi  ha  raggiunto  un  punto  d’equilibrio  in  un  magico  stato  di  sospensione. Un  punto  d’equilibrio  fragile, certo, come  fragile  è  tutta  la  realtà  in  cui  si  trova  a  vivere  l’uomo; eppure  è  uno  stato  di  grazia, forse  modesto, forse  enigmatico, a  tratti  molto  appagante. Ogni  anno  capita  questo  dopo  le  feste  natalizie. Ogni  anno, fra  il  ventisette  e  il  trenta  dicembre, mi  sembra  di  attraversare  un  sentiero  ai  confini  del  tempo  e  della  realtà. Quasi  un’altra  dimensione. E  senza  sapere  perché.

Giungono  inaspettati  ricordi  di  anni  lontani, e  scompare  la  fitta  nebbia  che  ne  avvolgeva  alcuni. Tutto  è  nitido, ogni  cosa  è  al  suo  posto. Dolori, gioie, fantasie – il  mosaico  è  completo. Bisogna  approfittare  di  questo  non-tempo, di  questa  attesa  priva  di  ansie, di  questa  quiete  d’origine  sconosciuta, di  questa  serenità  forse  immotivata. Bisogna  approfittarsene, vivere  questo  non-tempo  completamente,  interrogarlo, carpirne  qualche  segreto.

La  sera  non  è  troppo  lenta. E  nessuno  può  infrangere  questa  profonda   intima  soddisfazione, frutto  maturo  di  consapevolezza.

  1. Il post ha – come tutti i miei post, del resto – un significato letterale: si riferisce solo ed esclusivamente a ciò che è scritto. Non ci sono altri significati reconditi, visto che mai, nemmeno una volta, ho perso minuti della mia vita per lanciare strani messaggi a qualcuno usando improbabili e ardite metafore. Non uso e non ho mai – sottolineo: mai – usato il mio blog per lanciare messaggi a chicchessia. Né a persone che frequento nella vita reale, né a blogger o persone conosciute sul web.

    Perciò è tutto e solo ciò che ho scritto: questi giorni di attesa sono per me un momento di vita in una dimensione sospesa.

    Chiedo scusa ai commentatori e ai lettori abituali per questo mio intervento (passate pure oltre); ma purtroppo, a causa di prolungati fastidi da parte di un disturbatore, mi corre l’obbligo di sottolineare ciò che in realtà è più chiaro della luce del sole.

  2. Mah …. @Romina cara !
    Fra poco, nella notte di Capodanno … permarrà la barbara usanza degli scoppi e del buttare alle immondizie tutto il ciarpame e l’ inutile accumulato negli anni .
    Speriamo che, fra cotanta e inveterata “monnezza”, capiti il @disturbatore scemo : chi più di lui avrebbe diritto a stare, fra le suppellettili ingombranti, al caldo repellente dei bidoni comunali, in attesa di essere avviato a discarica ???
    I tuoi pensieri, cara Amica, sono soavi e solari …. fiori colti da lasciar vivere per sempre fra le pagine del nostro libro più caro !!! 🙂
    @Bruno ….

  3. Cara Romina, sto imparando a non sorprendermi più leggendo le tue riflessioni…o forse no….
    Mai come in questi giorni, messa da parte la frenesia del 25, sono travolta letteralmente da ricordi più volte “ricordati” e da quelli che invece arrivano a sorpresa e quasi mi stordiscono. Stavo pensando alla vecchiaia che incombe, ma poi no, è il “non-tempo” come lo chiami meravigliosamente tu.
    Peccato duri troppo poco e arrivi una volta l’anno, o forse è per questo che è così speciale.
    Non -tempo… credo prenderò in prestito questo tuo modo di dire che va molto bene per descrivere certi giorni o certi momenti che a volte vivo.

    p.s. Bellissima foto 🙂

    • Tiziana@ Mai come in questi giorni, messa da parte la frenesia del 25, sono travolta letteralmente da ricordi più volte “ricordati” e da quelli che invece arrivano a sorpresa e quasi mi stordiscono.

      Strano, vero? Pensa che io ho ricordato di colpo dettagli di certi momenti di vent’anni fa, cose a cui non avevo mai più pensato. Come se il film della mia esistenza si fosse dipanato con tutti i fotogrammi e con una chiarezza inusitata. Chissà! Forse il nostro inconscio ci sta parlando e vuole essere ascoltato.
      Comunque è vero ciò che dici, questo non-tempo è affascinante proprio perché dura poco. 🙂

      Bruno@, w i veri cavalieri come te! Ormai non ne esistono quasi più. 😀
      Non sapevo che anche tu amassi i gatti. Bene bene, mi fa molto piacere. Io penso che questo mondo sarebbe assai più brutto se non esistessero i gatti.

  4. @Romy cara ….quel @disturbatore ‘scemo’ …. mi piacerebbe averlo sotto mano, o meglio ‘sotto spadone’, e – da buon @Cavaliereerrante – son certo che lo riporterei sulla retta via !!! 😀
    Ps. Ero sicuro che la GATTA di @Paoli, con la sua delicata poesia sulla memoria ed il tempo che se ne va ( ma non dal cuore … ), ti sarebbe piaciuta !
    Inutile dirti che amo i gatti … in modo particolare, affascinandomi il loro mistero ed il modo di dare amicizia ed affetto a chi scelgano, ma rimanendo sempre ‘indipendenti e immersi nel loro mondo’ !!!

  5. Quanto è vero quel che scrivi sul periodo di ‘interregno’ fra il natale e la festività successiva. Forse sarà proprio perché si trova fra due feste? In uno stato di sospensione perché una festa è andata via, ma ancora altre arriveranno a breve. Una sorta di surreale vacanza dentro la vacanza.. chissà.
    Anche io aspetto sempre questo periodo con progetti di relax totale, di pace indisturbata. Eppure quest’anno non l’ho potuto godere affatto.
    Ricordi Romina che ero in partenza e mi lamentavo che bagagli e viaggi non fanno per me? Insomma, siamo arrivati il 24 e abbiamo dovuti rimetterci in viaggio di ritorno il 28, anziché dopo capodanno.
    Con tutta la frenesia dei preparativi ri-fatti in fretta e furia e di un viaggio faticoso a brevissima distanza dal primo, proprio quando pensavo a giornate di meditazione pigrizia e altre amenità
    Ne sono stata talmente frastornata che sono rimasta sfasata per un po’.
    Mi sembra di essere stata derubata a tradimento! E avessi saputo, non avrei nemmeno intrapreso il viaggio.
    PS- è irritante a dir poco scrivere in web per divertimento e ritrovarsi ad avere a che fare con qualche rompiscatole; tanto da dover fare precisazioni per non evitare fraintendimenti. 👿

    • Aurora, che peccato! Rimettersi in viaggio proprio il 28 dicembre dev’essere stato davvero uno stress. Dovrai recuperare in un’altra occasione, se non l’hai già fatto: l’inverno è la stagione giusta per vivere qualche giornata con calma.

      è irritante a dir poco scrivere in web per divertimento e ritrovarsi ad avere a che fare con qualche rompiscatole; tanto da dover fare precisazioni per non evitare fraintendimenti. 👿

      Sapessi! Costui ha persino tentato di accaparrarsi il mio indirizzo e-mail tramite terzi, con scuse a dir poco patetiche. Ma penso che abbia proprio una forma di distacco dalla realtà: uno che crede, senza il minimo appiglio, che una perfetta sconosciuta scriva cervellotici post per “dialogare” con lui a distanza avrebbe bisogno, come minimo, di un bravo psicologo. Ma bravo, eh.

  6. Ti capisco! Capitano, capitano davvero gli squilibrati, e non per modo di dire, Romina. In tempi ormai lontani, era l’inizio del 2008, ero ancora su un’altra piattaforma (blogspot) e la mia firma-link era apertamente Aurora.. Mi capitò uno che cominciò ad apostrofarmi come se ci conoscessimo, e scriveva cose deliranti. In breve era convinto che fossi una donna con cui aveva avuto una relazione e che l’aveva lasciato, e solo per via del nome (non scrivevo nulla di privato, parlavo di cinema e in ogni caso non avevo mai avuto a che fare con lui)!
    Questo tuo gli assomiglia per certi versi! L’avranno dimesso? 😉

E tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...