In giardino


Ieri questo blog ha compiuto cinque anni di vita. Non c’è nulla da celebrare, per carità; però, ripensando anche ai momenti nei quali avrei voluto chiudere quest’esperienza, l’idea di aver proseguito per così tanto tempo mi colpisce un po’.

Gli impegni della vita reale sono molti, a volte assai pesanti, e la stanchezza a tratti si fa sentire. Però sono talmente affezionata a questo spazio, nato per puro scopo di svago e senza alcuna particolare ambizione, da non avere la forza di “ucciderlo”.
Il fatto è che, fin dall’inizio, ho concepito questo blog come una sorta di giardino virtuale e, nel corso del tempo, tale immagine è rimasta viva e forte dentro di me. Come si fa, allora, a lasciar appassire un giardino? O, meglio, come potrei io lasciar appassire il mio giardino? Certo, si sa, nella vita tutto prima o poi termina; ma per adesso non riesco a vedere alcuna fine.

In un giardino possono trovarsi molte cose: angoli ombrosi e appartati nei quali sedersi e riflettere, prati inondati dal sole, fiori variamente colorati, sentieri lungo i quali correre a perdifiato e ridere e restare eternamente adolescenti.
Un giardino dovrebbe essere anche un luogo di riposo nel quale, di tanto in tanto, restare in silenzio a osservare. Con la consapevolezza che all’inverno seguirà sempre la primavera.

(Nell’immagine il dipinto In giardino, di Silvestro Lega)

  1. Nobili intendimenti i tuoi, @Romy !!! 🙂
    Se l’ hai concepito come un giardino, un giardino appartato, tenero, “un cantuccio d’ ombra romìta”, dove siano banditi gli urli e la banalità grevi del vivere quotidiano, ed ospitati invece, fra odorosi fiori e liete aspettative, i no vani “moti del cuore e della memoria grata”, beh … allora non ti dispiacerà sapere che io così lo sento, fin dal primo momento che ti lessi !
    Un abbraccio …
    @Bruno

    • dove siano banditi gli urli e la banalità grevi del vivere quotidiano

      Cavaliere, è proprio così. Abbiamo bisogno d’evadere e di lasciarci alle spalle, per brevi momenti, gli aspetti peggiori dell’esistenza quotidiana. In tal senso, anche un passatempo virtuale come questo può forse essere utile.
      Buon fine settimana. 🙂

  2. Cinque anni … già, @Romina, non sono pochi …
    E rinnovarsi lo so, non è mica facile !
    Eppure colori, scenari naturali o delicatissimi dipinti che ridanno lustro ai nostri ‘macchiaioli’, ai nostri Pittori dell’ intimo e della tenerezza crepuscolare, del fine ricamare di donne silenziose o attendere la sera, o guardare ansiose alla finestra una strada che porta chissà-dove, lungo sentieri fioriti ed alberi spogli o verdeggianti, mutar di stagioni e sentimenti di quelle tenere donne del passato, come gemme preziose da te salvaguardate dalle offese del tempo e dai cialtroni, in questo bel Blog, @Romy, non sono mai mancati, e per noi che passiamo qui è come sedersi e ritrovare, sempre e comunque, un’ amica ospitale e affettuosa .
    Così, brindo al compleanno anch’ io come @Sergio, ed auguro a te ed al tuo blog ogni felicità inseguita o solo sognata ! 🙂
    @Bruno

E tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...