Sette link


L’amica blogger Valentina mi ha “nominata” per un post particolare e divertente. Siamo a dicembre, mese di feste e di occasionale spensieratezza, e oggi è domenica, tutti buoni motivi o scuse per giocare un po’. Ecco che allora m’impegno volentieri in questo passatempo. Devo porre in evidenza sette vecchi post del mio blog, in base ad altrettante categorie.

1)Il post il cui successo mi ha stupito: s’intitola Un bellissimo gatto nero e ha avuto una marea di visite. In realtà, a livello qualitativo è uno dei post meno belli del mio blog: si tratta di un pensiero semplice e scritto molto rapidamente, senza grandi pretese. Tuttavia, sono contenta dell’attenzione mostrata nei confronti dei gatti neri, purtroppo ancora oggetto di sciocche superstizioni.

2) Il mio post più popolare: risale al febbraio del 2007, quando il mio blog non aveva ancora due mesi di vita, e s’intitola Splendore d’inverno. Ha ricevuto il più alto numero di visite in assoluto fra tutti i miei post.

3)Il mio post più controverso: qui arriva il difficile, perché non credo di aver scritto post particolarmente controversi, visti gli argomenti di cui tratto. Ma poi chissà! Tutto dipende da chi legge, ovviamente.

4)Il mio post più utile: anche qui, il discorso è soggettivo, nel senso che dipende da cosa s’intende per utilità. Secondo me, se un post diverte o emoziona è utile. Bisogna poi sottolineare che noi poveri blogger ce la mettiamo tutta, ma, come si suol dire, non tutte le ciambelle escono col buco. Urge dunque chiedere venia ai pazienti lettori. 😀

5)Il post che secondo me non ha avuto l’attenzione che meritava: eh, che problema! Ho scritto un numero elevatissimo di post, visto che da ben cinque anni infesto la blogosfera con le mie sciocchezze, per cui non so davvero quale sia il mio post di buona qualità con il più basso numero di contatti. Allora ne scelgo uno un po’ a caso. Risale al 2008 e lo considero fra i migliori, anche se meno letto rispetto ad altri: s’intitola Una sola rosa.

6)Il mio post più bello: anche qui, come sopra. Avendo scritto troppo, non posso ricordare tutto, quindi scelgo un post che mi piace, che considero ben scritto e al quale sono molto affezionata da sempre: Giorni sospesi.

7)Il post di cui vado più fiera: tutti e nessuno. Tutti perché sono affezionata a ciascuno indistintamente, a prescindere dalla qualità espressa; nessuno perché penso che il migliore dovrà ancora arrivare, perché non bisogna mai fermarsi, perché i blog, come l’esistenza, sono in continua evoluzione.

Finito il gioco, non nomino altre sette persone per continuare questa catena: chiunque vorrà, potrà farlo prendendo esempio da questo post. In fondo, a pensarci bene è un modo carino per ricordare il passato dei nostri piccoli spazi sul web. 🙂

E tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...