Era d’estate


A una certa età si è dotati d’una vitalità straordinaria. Quando avevo nove o dieci anni, ad esempio, e trascorrevo buona parte della stagione estiva in montagna, non sapevo cosa significasse la parola “riposo”. Pur di stare tutto il giorno fuori casa, in giardino e non solo, pranzavo in fretta e furia, scalpitante e con gli occhi rivolti alla porta in attesa d’uscire quanto prima. Il caldo del primo pomeriggio non solo non mi spaventava, ma mi era addirittura gradito, era un amico al quale non avrei saputo rinunciare.

Verso i dodici anni, mi divertivano le piccole fughe organizzate con mia cugina mentre i nostri genitori dormivano oppure erano così impegnati a conversare fra loro da non fare caso alle nostre trame. Mia cugina, che aveva quattro anni più di me, aveva escogitato un piccolo sistema per allontanarci in vespa senza che nessuno se ne accorgesse: siccome per arrivare sulla strada dovevamo percorrere, da casa, una discesa, riuscivamo a farla in vespa silenziosamente, senza accendere il motore; poi, una volta giunte in strada, mia cugina metteva in moto. A quel punto qualche nostro parente, richiamato dal rumore, s’affacciava svelto a una finestra e ci vedeva correre via. Ma ormai era troppo tardi per tentare di fermarci.

Queste piccole fughe erano innocue, addirittura ingenue: o ci fermavamo al fiume, a pochissimi chilometri da casa, per parlare sedute sui sassi guardando scorrere l’acqua, oppure raggiungevamo qualche altro paese, tanto per regalarci l’illusione d’essere andate chissà dove. Era bello correre al vento, sentire il sole sopra le nostre teste e avvertire un’indescrivibile sensazione di libertà. Ma era soprattutto bello avvertire l’enigmatica lentezza del tempo: quei pomeriggi, infatti, sembravano interminabili, lunghissimi, quasi non dovessero finire mai.

C’è un’età in cui i pomeriggi d’estate sembrano dover durare all’infinito.

  1. Vale@
    Sì, certo. Però ero proprio una trottola viaggiante. Ad esempio, se anche sudavo a causa del caldo, non m’importava nulla: continuavo a correre, a muovermi, a sudare e via così. 😕

    Ammetto di provare un po’ di nostalgia ripensando a tutta quella vitalità.

  2. Dans la pènombre que nous avons traversèe …
    Frammenti che ritornano vivi … bellissimi … @Romina, quando il sole era alto su noi ed il tempo si fermava, per essere, entrambi, complici sorridenti della nostra tenera adolescenza !

    • Cavaliere, Elisa, Sergio, Antonella@
      Sì, abbiamo provato tutti certe sensazioni e adesso avvertiamo tanta nostalgia.
      Certe esperienze sono così magiche e irripetibili che l’unico modo per non lasciarle scivolare via è tentare di fissarne il ricordo attraverso la parola scritta.

      Ciao a tutti e grazie! 🙂

  3. Grazie a te Romina! Riesci, sempre mirabilmente, a risvegliare i ricordi che più fanno sorridere! E’ dolce, attraverso te, vedersi da lontano e ritrovarsi felici e spensierati! ciao!

E tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...