Sfumature


Non è un esercizio da poco. Non è semplice farlo e ad alcuni può sembrare ozioso. Invece è fondamentale. Conoscere a fondo la propria interiorità, ossia i propri più intimi bisogni e desideri, è necessario per evitare di compiere scelte dettate soltanto dalla volontà di conformarsi alle regole che l’ambiente in cui viviamo c’impone.

Conoscere la propria interiorità, cioè la propria autenticità, è indispensabile se si vuole essere individui davvero liberi. Condizione fondamentale per esercitare la libertà, infatti, è la conoscenza, ossia la consapevolezza di ciò che si è e di ciò che si fa: nessuna nostra scelta è davvero libera se non è dettata dalla piena conoscenza di quello che davvero desideriamo; una scelta non è libera se è soltanto frutto d’un asservimento alle pressioni sociali, ai desideri dei propri familiari o alla volontà di apparire come tutti gli altri.

Quando ci si costringe a compiere azioni o a prendere decisioni importanti sulla base di un piatto conformismo, si decreta la morte di una parte di sé, ci si ritrova a vivere in una dimensione inautentica e si rischiano infelicità, nevrosi e frustrazioni. Oltre a ciò, si rischia anche di provocare dolore ad altri.

La confusione interiore non appartiene a pochi, ma è condizione più frequente di quanto s’immagini. È un po’ come trovarsi di fronte a un paesaggio autunnale, del quale non si vogliono o non si possono cogliere le tante sfumature. Ma purtroppo non si può afferrare l’essenza d’un paesaggio autunnale se si eludono le sue sfumature.
Le sfumature della nostra interiorità sono altrettanto importanti perché, soltanto conoscendole in pieno e senza temerle, si possono compiere, nel tortuoso cammino dell’esistenza, scelte giuste. Giuste per noi.

  1. Il difficile però viene dopo. Quando sai quello che vuoi e vuoi ottenerlo anche contro tutti quelli che intorno a te magari cercano di dissuaderti. Non é il mio caso, non del tutto, ma all’inizio é chiaro che anch’io avessi intorno a me perplessità. Ma sono andato avanti, e sto lottando ancora.

    Conoscere se stessi é difficile, ma una volta fatto quel passo, decidere di rispettarsi e scegliere il percorso che sappiamo essere nostro é altrettanto difficile e forse non tutti sono preparati a farlo e per questo evitano di provare a scavare in fondo a loro stessi, perché farlo significherebbe poi dover guardare in faccia la realtà non avendo il coraggio di seguire la propria strada.

    Un bacio
    Daniele

  2. IL MIO PENSIERO ….

    Occorre vivere la vita nella sua pienezza, assaporare ogni istante perchè è frutto del nostro operare, sentire, sognare.

    La vita scorre impalpabile ma vera ad ogni battito d’emozione del nostro cuore, è la scintilla che fa vibrare i tuoi occhi sinceri, il tuo sorriso disarmante, la vita è l’onestà d’ogni tuo gesto, è il donare tutto noi stessi, profondamente senza chiedersi tanti perchè, è solo donare …

    Ecco che il tuo camminare è un passo dopo l’altro verso l’incontro con il tuo prossimo, verso ogni uomo che tende la mano, ogni persona che incrocia il tuo cammino.

    Non fermarti mai di fronte alla consuetudine della vita, ma anima il tuo pensiero di sempre nuovo spirito di conoscenza e dono per quanto si ha e si riceve, non limitare mai il tuo perdono od il tuo ardire ma sii te stesso in ogni circostanza.

    La vita è bella e spesso ti sorprenderà per come essa ti saprà sempre in mille modi meravigliare e saprà condurti per mano verso nuovi orizzonti di pace e beatitudine.
    Non tenerla chiusa nei cassetti di una scrivania, nel portafogli o tra foto ingiallite dai ricordi, ma corri libero nell’erba verde della fanciullezza, nel sorriso di un amico che sa esserti accanto per quello che sei, apri il tuo cuore e non chiederti quanto spendi in energie per essere felice, ma diventalo e ricercalo in ogni tuo operare.

    E’ così breve il cammino della vita che non puoi fermarti a pensare al vecchio ricordo perchè dovrai pensare di costruirne di migliori, oggi e domani.

    Le tue “sfumature” mi hanno lasciato senza fiato …..
    come “Il mio pensiero” di Emmanuele Bizzaro……

    Colpita e affondata da tanta sensibilità, Grazie…. Mary

  3. tutto vero, tutto scritto molto bene. sembra di leggere un manuale, ma il linguaggio è meno noioso, più intimo.
    ma… mi manca un passaggio: come fare a RICONOSCERE quali sono i nostri veri bisogni, dopo una vita passata ad assecondare quelli che gli altri ci dicevano essere i nostri bisogni?

    • Ciao Silvia!
      A mio parere, se si ha il coraggio di guardare davvero dentro di sé, si scopre ciò che si desidera realmente perché, quando si vive nell’inautenticità, e quindi si è frustrati, qualche segnale in proposito emerge sempre, o sotto forma di nevrosi o di ansia o di insoddisfazione.

      Certo, c’è il problema che non tutti hanno il coraggio o la forza o la capacità di guardarsi dentro e di chiedersi il perché delle proprie reazioni ed emozioni, perché può essere doloroso e lacerante.
      C’è poi addirittura chi rifiuta di farlo, chi elude volontariamente la ricerca di sé, chi si nega completamente a essa. In questi casi è anche questione di carattere o di indole, e c’è poco da fare. Alcuni preferiscono addirittura conformarsi e recitare perché ne ottengono un vantaggio immediato e l’approvazione sociale. C’è chi antepone questi (dis)valori a tutto il resto, e temo che, in simili casi, tutto sia inutile.

      Parere personale, ovviamente.

      • Mi spiego meglio: se ci si sente frustrati, insoddisfatti, infelici, bisogna avere il coraggio di chiedersi perché. Da lì scaturisce l’esame interiore. Sempre però se si è disposti o capaci di farlo, e qui torniamo a quanto ho scritto qui sopra.

E tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...