Limiti


Ieri un mio conoscente, chiacchierando con me di vari argomenti, ha detto di provare un enorme senso di colpa perché, in questo periodo, avverte dentro di sé il desiderio di abbandonare tutto e di fuggire, per starsene da solo e in ozio.
A mio parere, non bisognerebbe sentirsi in colpa quando certi impulsi ci colpiscono con tanta forza: è evidente, infatti, che alla base della volontà irrefrenabile di staccare violentemente dalla propria quotidianità vi siano motivi seri. Forse a volte tali motivi non sono tutti consci, ma esistono. Però, anche se non bisognerebbe, è normale avvertire il peso della colpa perché ciascuno di noi, nella vita quotidiana, è sottoposto a una fitta trama di doveri e di relazioni ineludibili.

So di aver scritto un’ovvietà. Però credo che talvolta, schiacciati come siamo dai troppi impegni dovuti a uno stile di vita eccessivamente frenetico, dimentichiamo persino le ovvietà, ossia il fatto che né il nostro corpo né la nostra mente possono sopportare troppo a lungo grandissimi stress. In una società dominata, in buona parte, da un forte individualismo e da un’accesa e talvolta feroce competizione, nonché dalla necessità di non fermarsi mai, spesso ci si sente in obbligo di eccellere, di mostrarsi sempre al meglio delle proprie possibilità, di apparire infaticabili. Così può poi capitare che qualcosa in noi si rompa.

Per evitare di arrivare a un punto di non ritorno, dovremmo sforzarci di accettare anche i nostri umanissimi limiti: non possiamo sempre fare tutto e bene, non possiamo fare in ventiquattro ore ciò che bisognerebbe fare in quarantotto. Sono altre grandi banalità, però a volte le nevrosi nascono dal dimenticarle.

  1. No non sono discorsi banali, anche per me ci dimentichiamo troppo di non poter eccellere ogni giorno. Prima mi preoccupavo, stavo in ansia se non riuscivo a terminare certe cose e se non mi venivano bene, ma con il tempo ho imparato a fregarmene. Meglio tardi che mai!

  2. Romina@Per evitare di arrivare a un punto di non ritorno, dovremmo sforzarci di accettare anche i nostri umanissimi limiti

    Possiamo anche accettarli ma non possiamo permetterceli, non possiamo accontentarci che del meglio. Ahinoi…

    • Le pressioni sociali sono troppo forti e l’organizzazione della società rende senz’altro molto difficile vivere senza obbligo di prestazioni super. Questo è un punto dolente, lo so.

  3. “Per evitare di arrivare a un punto di non ritorno, dovremmo sforzarci di accettare anche i nostri umanissimi limiti: non possiamo sempre fare tutto e bene, non possiamo fare in ventiquattro ore ciò che bisognerebbe fare in quarantotto”

    Ciao Romina mi Chiamo Mary
    Per Salvarmi dai sensi di colpa ho seguito x alcune settimane un corso per ” La gestione del tempo”
    Ogni volta i Contenuti cambiavano:
    1)ridurre lo stress con il buon uso del tempo
    2)individuare i “ladri di tempo”
    3)come programmare il proprio tempo
    4)come definire le priorità
    5)io e la delega
    6)come ritagliarsi tempo per sé
    Si può fare qualcosa senza sentirsi in colpa credimi… MARY

E tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...