In una stanza chiusa


A maggio il pensiero è per le rose, che quando sbocciano e si aprono al mondo sembrano sorridere illuminando ciò che hanno intorno. Le rose sono anche il ricordo di altri giorni, di altre primavere, di fantasie colorate e infinite.
E pensare che tutto avviene ora, in una stanza chiusa, a tarda sera. La mia mente oltrepassa le spesse pareti di queste mura, raggiunge giardini colmi di rose e vede petali vellutati splendere sotto il sole. A incantarmi è soprattutto il giallo, affascinante e malizioso.

Tutto avviene ora, in una stanza chiusa, a tarda sera; ma nessuna stanza è mai tanto chiusa da impedire al pensiero di volare lontano. Neppure la notte potrà cancellare profumi, immagini e colori così vivi.

(Rose e gelsomini, dipinto di Auguste Renoir in foto)