Stagioni e pensieri


Sono sempre stata affascinata dallo spettacolo del susseguirsi delle stagioni, e mai come quest’anno ho salutato positivamente l’arrivo della primavera.
Mi dispiace dover vivere i momenti di passaggio da una stagione all’altra in città, perché non si può assistere pienamente alla lenta ma progressiva metamorfosi della natura, alla sua timida ma gioiosa rinascita in primavera, al suo trionfante splendore d’estate, al suo malinconico e poetico declino durante l’autunno e alla sua morte nel gelo dell’inverno. Purtroppo in città la foschia, il grigio dell’asfalto duro, i reticoli di strade percorsi da automobili sempre in fuga e i pochissimi spazi verdi sono un invincibile ostacolo per la contemplazione dei ritmi della natura.

Nell’osservare l’immagine che ho pubblicato, mi tornano in mente certe giornate estive trascorse in montagna, durante la prima adolescenza. Giornate di libertà assoluta, a contatto con il verde dei prati e fatte di lunghe passeggiate nei sentieri, di momenti di oziosa pace in giardino, di serate sotto le stelle a parlare, a sognare, a pensare. In quelle circostanze la pioggia, quando malauguratamente capitava, era sempre sgradita, addirittura odiosa, perché m’impediva il contatto con la natura, costringendomi a chiudermi in casa.
Adesso che tutta quella libertà è venuta meno, e che non trascorro più lunghi periodi in montagna, certi giorni di pioggia sono talvolta i benvenuti, e l’estate non mi è più tanto cara.

  1. Pingback: 100web2

E tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...