Via col vento

via-col-vento.jpg
Chi non ha mai visto questo film? Chi non conosce l’ormai mitico Via col vento? Qui mi soffermo però sul libro di Margaret Mitchell da cui è tratta l’opera cinematografica.

Prima di tutto, a differenza del film, nel libro il rapporto tra l’intrepida, opportunista ed egocentrica Rossella O’Hara con l’avventuriero Rhett Butler è intenso, ricco di sfumature, di dialoghi accattivanti, di situazioni piacevoli e provocanti. In maniera particolare, poi, è la figura di Rhett a essere assai meglio delineata nel libro rispetto al film: opportunista, amante del lusso e della bella vita, a volte sbruffone, capace di guardare in faccia la realtà e di chiamare le cose con il loro nome, ma anche intelligente, acuto, simpatico, dotato di spirito cavalleresco.

Rhett Butler è sinceramente innamorato di Rossella, ma nel contempo consapevole che costei, qualora lo sapesse, se ne approfitterebbe per sottometterlo e maltrattarlo. Da qui il suo corteggiamento fatto di malizia, di parole soffocate, di astuzie, di punzecchiature, tutto nel vano tentativo di farla capitolare. Scopriamo anche che Rhett fa da cavalier servente a Rossella in numerose occasioni, le presta persino il denaro per aprire la segheria ad Atlanta, l’accompagna per proteggerla quando, incinta del secondo marito Frank Kennedy, osa guidare il calessino da sola per occuparsi dei suoi affari. La incoraggia, la comprende, l’ammira per la sua abilità negli affari, pur essendo conscio del suo egoismo e della sua insensibilità. Tenero e cinico, realista e romantico, simpatico e sornione, Rhett Butler è in fondo capace di grande saggezza.
Il finale del libro, rispetto a quello del film, è più amaro, duro e ambiguo: Rhett è non solo stanco ma completamente indifferente a Rossella e l’abbandona con convinzione.

Nel libro anche la figura di Melania Hamilton, l’odiata rivale di Rossella, appare più complessa e interessante rispetto a quella del film. Melania infatti è sì buona, dolce, altruista, ma nel contempo è anche una donna forte, pur nella sua timidezza, una donna coraggiosa che aiuta Rossella in molte occasioni, che diventa audace e attiva quando deve salvare le cose e le persone che ama, che costituisce addirittura un punto di riferimento essenziale per la nobiltà decaduta di Atlanta. Quando Melania muore, Rossella è disperata perché si accorge di aver perso non solo un’ottima amica, ma anche una persona forte sulla quale poter contare concretamente nei momenti di difficoltà.

Il libro descrive in maniera approfondita la mentalità degli uomini e delle donne del Sud, il loro fiero patriottismo, il loro atteggiamento nei confronti dei disprezzati vincitori della guerra civile, le distinzioni di classe, i rapporti con gli schiavi, i riti e i meccanismi che mantengono in vita l’equilibrio della loro civiltà ormai al tramonto.
L’opera mostra come non esista mai una netta distinzione fra bene e male, fra buoni e cattivi, fra giusto e ingiusto; inoltre sottolinea, una volta di più, i tanti compromessi che occorre accettare per poter sopravvivere e la necessità di adattarsi al mutevole divenire delle cose, la necessità, a volte anche crudele ma ineludibile, di “crescere” e di abbandonare gli ideali dell’adolescenza. Chi non sa reagire ai cambiamenti, infatti, chi resta inerte e legato ai ricordi di un passato che non potrà mai più tornare, è fatalmente destinato al fallimento. E per vivere e trionfare sulla morte e sull’orrore occorre “sporcarsi” con tutti gli aspetti della realtà.
Al di là di tutto, questo libro è un inno alla vita, un invito all’ottimismo, alla speranza e all’apertura nei confronti del futuro, secondo il più autentico spirito americano.
vivien-leigh.jpg

  1. Ho scritto molti post sull’autunno, soprattutto a settembre, ottobre e novembre.
    Ma ce ne sono anche di recenti, risalenti a febbraio e marzo. Non so dove indirizzarti perché sono parecchi. 😐

    Le categorie sono frammenti e fantasie, ma anche stagioni.

  2. L’ interpretazione dell’ Attrice Vivine Leigh,
    nel ruolo di Rossella O’Hara, è stata ottima, tanto da vincere l’ Oscar come migliore attrice protagonista.

    Tuttavia, sono del parere che, l’ Attrice IDEALE, per quell’ interpretazione, era KATHARINE HEPBURN.

  3. non credo proprio!Vivien Leigh è l’unica e inimitabile Rossella!Nessuna è e sarà mai al suo livello!Un’ esplosione di bravura e bellezza in una donna straordinaria!

E tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...