La morale di Barbablù

barbablu.jpg
Avrei voluto scrivere la morale di Biancaneve, ma sul mio libro di favole non c’è. Ripiego allora su quella di Barbablù, una fiaba forse meno conosciuta di altre, ma comunque abbastanza nota.
Barbablù è un inquietante signore molto ricco, dotato di un’enorme barba turchina. Dopo essersi sposato numerose volte, riesce a contrarre un nuovo matrimonio con una ragazza in attesa di marito.
Costei, una volta coniugata, nonostante il divieto di Barbablù di aprire la porta della cantina del palazzo in cui risiedono, disobbedisce e giunge a scoprire qui un terribile segreto: i cadaveri delle precedenti mogli del suo poco amabile consorte.
Ecco allora la morale della favola:

Un brutto vizio la curiosità:
fonte di guai, sorgente di ogni calamità.
Mille esempi ne corron fra la gente.
Una passione sciocca, inutile e triviale,
che, soddisfatta, non produce mai niente,
e costa spesso più di quel che vale. 😉

(la bella immagine è tratta dal sito: http://www.paroledautore.net/fiabe/classiche/perrault/barbablu.htm

  1. La curiosità stà alla base della creatività! Nella vita bisogna sempre guardarsi intorno e valutare opportunamente sulle scelte da compiere di volta in volta; Qualcuno dice che la curiosità è femmina, ma è un luogo comune! La curiosità è dell’individuo e procura a chi la coltiva in modo sano ed equilibrato, quella sensazione di benessere tipica di chi si sente vivo, attivo, utile.
    Questa è la mia concezione, ma sicuramente ci sono al mondo altre concezioni, compresa quella legata al vizio; Bisogna però fare sempre delle scelte….. Ciao!!!!

  2. il definire “la curiosità ” come “un brutto vizio” è per me ,nel contesto della fiaba, una inequivocabile interpretazione “maschilista”!!!!!!!!!!!!

  3. A me però è sempre rimasta una perplessità da quando ho letto questa fiaba:se Elisabetta(nel libro che ho io e da cui è tratta l’immagine qua sopra l’ultima moglie di Barbablù si chiama così)non avesse aperto quella porta sarebbe rimasta in vita o prima o poi il marito l’avrebbe ammazzata lo stesso,magari quando lei lo avesse fatto arrabbiare per un altro motivo?In quest’ultimo caso la curiosità in realtà le ha salvato la vita!Bisognerebbe capire per quale motivo è morta la prima moglie,dato che a quel tempo la stanza si presume che fosse ancora vuota…

  4. Arrivato qui per quasi puro caso, dissento sul fatto che la curiosità sia sempre sbagliata. Se i medici fossero un po’ più curiosi quando hanno il colloquio coi pazienti, sicuramente bisognerebbe fare meno esami. La curiosità implica l’ascolto… ma i medici non hanno (quasi) mai tempo di ascoltare.
    Buona giornata.
    Quarc

  5. Già da bambina mi ricordo di aver simpatizzato per entrambi i protagonisti. Il marito era sicuramente crudele e nulla può giustificare l’atto inumano di uccidere altre persone ,figurarsi 6 mogli!
    Allo stesso modo reputo in errore anche la moglie che si salva. La curiosità se usata nel modo giusto può essere sicuramente di aiuto, è uno stimolo per imparare cose nuove e aprire la mente, allo stesso tempo se il proprietario di qualcosa ti dice di poter fare quello che vuoi eccetto 1 cosa ( che oltretutto non è nemmeno indispensabile), è una forma di rispetto, umiltà e maturità non farlo. Se io dovessi cedere per del tempo casa mia a persone che conosco, mi fido e a cui tengo e chiedessi di non aprire una scatola o un cassetto etc … Sarei estremamente delusa e ferita se tornando scoprissi l’atto. Come proprietario è mio diritto poter mettere una clausola ragionevole e dovere dell’ospite rispettare il mio volere. Ovviamente però non ucciderei nessuno o altro, quello lo fa un malato psicopatico quale evidentemente era Barbablù

    • Giustissimo,infatti per questo io mi sono ritrovato a interrogarmi sul come e perché fosse morta la prima moglie e se Barbablù avrebbe ucciso Elisabetta SOLO nel caso in cui avesse aperto quella porta o se quello fosse solo un pretesto che prima o poi sarebbe stato sostituito da qualcos’altro nel caso la moglie avesse effettivamente rispettato la sua volontà…

      • Sicuramente la moglie ha sbagliato a non rispettare la volontà del marito ciò non toglie che il marito era un assassino quindi dovevano pagare entrambi

E tu che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...